Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 16 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Suttora Mauro - 20 aprile 1994
CRIMINALI DI GUERRA, ARRENDETEVI - COME NASCE ALL'AIA IL TRIBUNALE ONU
di Mauro Suttora

SOMMARIO: Undici giudici internazionali, guidati da un italiano, processeranno gli assassini dell'ex Jugoslavia. Se funzionerà, la corte diventerà permanente.

(L'EUROPEO, 13-20 Aprile)

Sopra c'è Dio, che è il giudice universale. Ma subito sotto c'è lui Antonio Cassese, 57 anni fratello del ministro Sabino, docente di Diritto Internazionale all'istituto universitario di Fiesole (Firenze). E' toccato a un italiano, infatti, il prestigioso compito di dirigere il Tribunale internazionale dell'Onu che giudicherà i criminali di guerra dell'ex Jugoslavia.

Il professor Cassese è una specie di frate trappista, schivo, riservato: a pranzo mangia in mensa, di sera cena con le due banane che si è portato in albergo dalla mensa. E' imbarazzato perchè il suo ufficio di presidente del Tribunale, all'Aia, gli sembra troppo grande: »Che bisogno c'era di tanto spazio? Con tutti quelli che accusano l'Onu di sprechi, meglio non largheggiare...

Inorridirà quindi il professor Cassese, uomo di squisita modestia nonostante (o forse grazie a) i suoi insegnamenti a Cambridge a Oxford, al College de France, all'Accademia dell'Aja e all'Istituto di alti studi internazionali di Ginevra, di fronte all'ardito paragone con il Creatore.

Fatto sta che, per la prima volta nella storia, l'umanità si sta dando un sistema giudiziario accettato da tutti per colpire i crimini di guerra. E che il Tribunale di Cassese si occuperà di Jugoslavia, ma può essere in »nuce una Corte Permanente per giudicare tutti i responsabili dei conflitti che insanguinano il pianeta. Niente a che fare, insomma, con il processo di Norimberga, che fu celebrato dai vincitori contro i vinti. La Corte dell'Onu è quanto di più vicino ci sia al sogno che fece duecento anni fa Emanuel Kant, quando immaginò gli strumenti per arrivare alla »Pace perpetua .

Ma, al di là delle speranze e delle dichiarazioni roboanti, come funzionerà in concreto questo tribunale ?

Per la bisogna, l'Onu ha affittato all'Aja il palazzo delle assicurazioni Aegon, in Piazza Churchill. A poche centianaia di metri c'è un'altro edificio caro a tutti i pacifisti: quello della Corte Internazionale di Giustizia, donato al mondo dal miliardario americano Andrew Carnagie. Ma quella serve per gli arbitrati volontari fra nazioni, non per mandare in galera governanti assassini e aguzzini sanguinari.

Al piano terra del Tribunale ci sono le guardie delle Nazioni Unite. Fra queste, due italiani fatti venire apposta dal Palazzo di vetro di New York. Gli uffici degli undici giudici sono al primo piano. E al primo piano verrà ricavata anche l'aula per i processi: ci sono ancora dei lavori da fare, per ragioni di sicurezza il pubblico sarà separato da un vetro antiproiettile da giudici, imputati e avvocati. Sempre per ragioni di sicurezza, Cassese, che sta cercando casa all'Aja ( i giudici sono stati eletti con un mandato di quattro anni rinnovabili per altri quattro) ha dovuto rinunciare ad una villetta: la polizia olandese gli ha imposto di trovare un appartamento ad un piano alto.

Dalla nascita del tribunale, quattro mesi fa, i giudici hanno lavorato senza sosta per mettere a punto il codice di procedura. Non è stato facile armonizzare i due principali sistemi in uso nel mondo, quello inglese di tipo accusatorio e il latino, con i suoi riti inquisitori.

»Non ci saranno procedimenti in contumacia, anche se io personalmente sarei stato favorevole , annuncia Cassese. E non è prevista neanche la pena di morte per i reati più gravi: ci si fermerà all'ergastolo. Funzioneranno due Corti di primo grado con tre giudici ciascuno (presiedute da una americana e da un nigeriano), mentre Cassese guiderà la Corte di appello con cinque giudici.

Ma quando inizieranno i primi processi? E soprattutto: chi saranno gli imputati? »Spero di cominciare entro luglio dice Cassese, il sindaco di Sarajevo ha detto »che ogni giorno è prezioso per mostrare che una giustizia internazionale punisce i criminali . Quanto agli imputati, individuarli non sarà un problema: il Tribunale verrà sommerso dalle testimonianze delle vittime, in gran parte profughi in Europa occidentale.

Milosevic e Karadzic finiranno sotto accusa?

Certo, sarà difficile veder finire sotto accusa Slobodan Milosevic, presidente della Serbia, o Radovad Karadzic capo dei serbo-bosniaci: il Tribunale si trasformerebbe in una corte di tipo politico. Questo è esattamente ciò che non vogliono Paesi dalla coscienza sporca come Birmania o Cina, i cui dittatori temono di finire un giorno di fronte a un tribunale internazionale e che quindi si appellano in continuazione alla »non intromissione negli affari interni di uno Stato membro dell'Onu . Il Tribunale dipenderà quindi dalla disponibilità della Serbia ad estradare i suoi criminali di guerra ormai tristemente famosi in tutto il mondo come il comandante Arkan, il capo ultranazionalista Vojslav Seseli, o anche Jovanka »la jena , famigerata responsabile di sttpri di ruppo. Ma anche in altri Paesi le prigioni si vanno riempiendo di pesci piccoli e medi. In febbraio in Germania è stato per esempio arrestato il serbo-bosniaco Dusan Tadic, 38 anni, con l'accusa di aver compiuto sevizie atroci nel lager di Omarska. Lo

inchiodano le testimonianze di 145 profughi ospiti nel campo tedesco di assistenza di Tralskirchen.

Il Tribunale dell'Onu avocherà a se tutti i processi per fatti commessi nella ex Jugoslavia dopo il gennaio '91. Naturalmente chi è già stato processato non lo sarà una seconda volta. La publlica accusa, nel palazzo dell'Aja, sarà tenuta completamente separata dai giudici. Anche fisicamente i suoi uffici saranno al secondo piano. Il pubblico ministero nominato dal segretario generale Boutros Ghali si è però dimesso, perhcè in febbraio è diventato ministro dell'Interno del suo Paese, il Venezuela. L'accusa, come in America, sarà tenuta allo stesso livello della difesa, e potrà contare su un centinaio di investigatori.

In una prigione dell'Aja, intanto, sono state già preparate numerose celle da sette metri quadri ciascuna per ospitare gli imputati. Altre celle verranno ricavate nel sotterraneo del Tribunale per le pause del processo. L'Olanda si sobbarcherà i costi del trasporto dei prigionieri. Quanto alle trenta guardie penitenziarie previste, costeranno un miliardo e mezzo di lire all'anno. I costi: ecco il punto dolente del Tribunale. Boutros Ghali aveva chiesto all'Assemblea dell'Onu 32 milioni di dollari per un anno. Li sta ottenendo a fatica, ma per due anni. Ciascun Paese, inoltre, può finanziare autonomamente il Tribunale. L'Italia si è comportata bene: nella Finanziaria '94 ha stanziato tre miliardi di lire.

»Avremo addosso gli occhi di tutto il mondo

E una volta condannati, dove sconteranno la loro pena i criminali di guerra? Nei Paesi dell'Onu che metteranno a disposizione le proprie prigioni. »Ma sarebbe meglio che i detenuti stessero per quanto possibile vicini ai loro familiari , dice Cassese, »perchè l'impossibilità di ricevere visite rappresenta una forma di pena supplementare, quasi una tortura... .

E quì si riconosce il giurista che nel '79 fu nominato dall'Italia suo rappresentante nel Comitato per i diritti umani, e che negli ultimi quattro anni aveva presieduto il Comitato per la prevenzione e la tortura del Consiglio europeo. »Io personalmente sono contrario anche all'ergastolo, perchè scopo della pena è la rieducazione , dice Cassese. »In ogni caso, è importante che riusciamo a fare giustizia in modo sereno e imparziale, perchè avremo addosso gli occhi di tutto il mondo .

Durante il processo sono previste pene pecuniarie o detentive per due reati: falsa testimonianza e oltraggio alla Corte. Dopo i giudici del Tribunale potrebbero fare anche i magistrati di sorveglianza, seguendo la detenzione dei condannati. Sono previsti perfino gli arresti domiciliari per buona condotta e la grazia.

Insomma, sta nascendo un vero e proprio diritto penitenziario internazionale e molte università del mondo sono in fermento per le novità teoriche e pratiche introdotte dal Tribunale Onu.

C'è da scommettere però, che le varie parti in causa (serbi, croati, bosniaci) cercheranno di strumentalizzare il processo, in cerca di propaganda. »Ma noi perseguiremo singoli individui per gli atti che hanno commesso precisa Cassese, »e questo servirà anche per non colpevolizzare interi gruppi etnici . Pagheranno solo gli esecutori o anche i mandanti? »Il procuratore può mettere sotto accusa anche i dirigenti politico-militari .

E se uno Stato si rifiuterà di consegnare gli incriminati? »Il Tribunale ha il potere di pronunciare ordinanze di arresto o comparizione direttamente vincolanti, e il Consiglio di sicurezza dell'Onu potrà adottare sanzioni contro i governi che si rifiutassero di cooperare , spiega Cassese. E' previsto proprio tutto. Ma la battaglia sarà egualmente dura. Perchè applicare la legge a una guerra è difficile. »Ma dobbiamo farlo , conclude Cassese, »sia come deterrente per altri crimini sia perchè abbiamo il dovere di reagire sempre contro le atrocità e i massacri .

 
Argomenti correlati:
l'aja
tribunale internazionale
serbia
bosnia
Karadzic Radovad
giustizia
stampa questo documento invia questa pagina per mail