Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 27 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Partito radicale - 17 ottobre 1994
Transnational/Satyagraha - N. 8 del 17 ottobre 1994
Agenzia del Partito radicale

CONTRIBUTI E SOTTOSCRIZIONI, SUBITO!

MONEY, MONEY, MONEY

Riproponiamo in questo numero il testo dell'Appello per la istituzione della Corte penale internazionale permanente, ma corredato dalle adesioni più prestigiose che sono pervenute. Premi Nobel, parlamentari di numerosi paesi del mondo, deputati regionali e locali, cittadini hanno dato la loro adesione ad un appello che si rivolge al Segretario Generale delle Nazioni Unite, al Presidente dell'Assemblea Generale, e a tutti i Governi dei paesi aderenti all'ONU affinché il Pianeta si doti di una Corte permanente di Giustizia, attraverso la convocazione di una Conferenza internazionale.

Dobbiamo far sapere ai cittadini americani quali e quanti siano coloro che si sono uniti all'Appello: dobbiamo farlo sapere ai cittadini americani perché almeno una parte della diplomazia Usa sembra voglia posporre, allontanare, rinviare a data non certa una occasione storica, quella di decidere in questa sessione della Assemblea generale dell'Onu l'apertura delle procedure che porteranno alla Corte internazionale permanente. Dobbiamo poter informare i cittadini americani, e dobbiamo informare i diplomatici di tutto il mondo presso l'Onu della grande adesione che con l'Appello la volontà politica di istituire la Corte raccoglie e coalizza.

Dobbiamo compiere un'altra volta il grande sforzo finanziario che il Partito radicale ha compiuto per pubblicare sul prestigioso "New York Times" le due pagine pubblicitarie su di sé e sulle sue campagne, qui riprodotte.

Per questo abbiamo lanciato la Campagna New York, New York. Una campagna che intorno all'Appello per la Corte Penale internazionale permanente sappia intervenire anche nell'opinione pubblica internazionale e in particolare americana, per informarla dell'importanza delle scadenze della discussione Onu sulla istituzione della Corte internazionale e sulla moratoria delle esecuzioni.

La Campagna New York, New York è dunque anche una campagna di autofinanziamento, una campagna per rendere possibile la pubblicazione di nuove pagine di informazione per i cittadini americani.

Insistiamo sull'aspetto finanziario della iniziativa, sulla necessità di raccogliere in tempo - cioè subito - contributi sufficienti a pubblicare pagine di informazione sui giornali Usa, e sul "New York Times" in particolare: i cittadini degli Stati Uniti devono conoscere per poter valutare le posizioni assunte dal Governo di Washington. A New York, poi, ha sede l'Onu, e le diplomazie presso le Nazioni Unite di tutti i paesi membri. Ma questa non è che una priorità, niente affatto esclusiva. Sarebbe necessario informare i cittadini di ogni paese, da quelli della titubante Francia, a quelli della Germania che in questa Sessione parla a nome della Unione europea, a quelli di tutti i paesi, affinché almeno sappiano a quali decisioni i loro rappresentanti diplomatici presso l'Onu sono chiamati. E la domanda se potremo farcela a pubblicare pagine informative in altri paesi non può ricevere risposte che dai cittadini di quegli stessi paesi. Sarebbe, - è - necessario pubblicare, trasmettere informazione su quanto a

vviene nel Palazzo di Vetro in molti paesi, su molti organi di informazione. Dipenderà dai soldi che in questi giorni ci raggiungeranno, dai contributi, dalle sottoscrizioni che giungeranno alle varie sedi del Pr.

Nelle pagine che acquisteremo sulla stampa americana - e sulla stampa di altri paesi, se ci giungeranno le risorse sufficienti - verranno riportati i nomi di quelle persone, e di quelle istituzioni che ne avranno reso possibile la pubblicazione. Oggi, dunque, è urgente che il denaro necessario alla pubblicazione delle pagine informative e alla partenza di una delegazione internazionale ad altissimo livello, che incontri il vice presidente degli Stati Uniti d'America Al Gore a Washington, giunga al Partito radicale. Denaro per far vivere questa campagna, mentre tutti siamo attivati per portarla positivamente al termine.

In pochi giorni sono giunti alle casse del Pr migliaia di dollari. Ne occorrono altri. Sta a ciascuno rendere possibile la conclusione di una campagna di tanta portata e tanta forza politica.

ABOLITA LA PENA DI MORTE IN ITALIA

L'Italia è il 54· paese nel mondo ad aver abolito totalmente la pena di morte. Totalmente, escludendola anche dalle leggi militari di guerra.

Sono state necessarie molte iniziative, e molte mobilitazioni, ma il 5 ottobre la Camera dei Deputati di Roma ha trasformato in Legge dello Stato il Disegno di legge già approvato ad agosto dal Senato.

Le giornate di dibattito parlamentare in materia sono state segnate da numerose manifestazioni organizzate dal Partito radicale e da Nessuno tocchi Caino.

L'abrogazione totale della pena di morte in Italia ha non soltanto valore in sé, ma ne acquista anche in funzione della Sessione già in corso della Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il Governo Italiano si appresta a depositare - su voto unanime del Parlamento italiano - una proposta di Risoluzione per la moratoria universale delle esecuzioni, e risulta effettivamente rafforzato, nelle posizioni che in sede ONU sostiene, dall'avere il Parlamento di Roma del tutto cancellato la pena capitale dall'ordinamento giuridico.

Come ricordavamo nel precedente numero di Transnational, il Senato ha approvato la proposta di legge con un voto unanime. La Camera dei Deputati ha registrato un voto pressoché unanime, tranne alcune, poche, astensioni.

CORTE PENALE INTERNAZIONALE PERMANENTE

L'impegno del Presidente della sesta commissione

Durante la permanenza a New York, Emma Bonino, incaricata dal Governo italiano di esprimere la posizione italiana in sede ONU, ha incontrato il Presidente della sesta Commissione (affari giuridici) che esaminerà la questione del tribunale nell'ambito del rapporto prodotto dalla International Law Commission. Questo dibattito è fissato nelle due settimane dal 24 ottobre al 4 novembre.

Il presidente ha assicurato la massima attenzione sua personale e come presidente della Commissione al tema in questione con particolare riguardo alle raccomandazioni contenute nel rapporto, in particolare alla raccomandazione rivolta dall'ILC per la convocazione della conferenza istitutiva del Tribunale.

Il Partito radicale incontra gli ambasciatori USA nel mondo

Nel corso degli ultimi giorni esponenti del Partito radicale hanno inviato agli ambasciatori USA una lettera per richiedere un incontro sul tema dell'istituzione della Corte Penale Permanente in ragione della posizione assunta dal Governo statunitense in proposito.

Nella lettera si dice, tra l'altro "apprendo con una certa sorpresa, che il Governo Usa dichiara che è prematuro convocare una conferenza istitutiva della Corte, rimandando ad un ulteriore comitato che sia una sorta di forum tra gli Stati" ... "Se questa posizione fosse definitiva si finirebbe per rimandare sin die la creazione del Tribunale Internazionale sui crimini contro l'umanità, e allo stesso tempo si priverebbe la comunità internazionale di uno strumento fondamentale di deterrenza nei confronti di tutti coloro che affermano la propria volontà attraverso l'uso della forza e della violenza".

Nella lettera inviata all'ambasciatore americano si ricorda anche che sono numerosi i Governi che, nella seduta di apertura dei lavori della 49a sessione dell'Assemblea Generale dell'Onu, si sono espressi a favore dell'adozione in tempi rapidi dello Statuto della Corte Penale Permanente [Germania (a nome della EEC), Italia, Olanda, Croazia, Irlanda, Canada, Australia, Svezia, Trinidad and Tobago, Islanda ndr] così come numerosissime sono le adesioni da parte di parlamentari, personalità e cittadini di vari Paesi all'appello promosso dal Partito radicale a sostegno della sua creazione.

Nei prossimi giorni il Partito radicale incontrerà i responsabili ONU nel mondo per illustrare le iniziative in atto e i grandi risultati fino ad oggi ottenuti, chiedendo quindi agli stessi responsabili di farsi tramite con il Segretariato generale dell'ONU.

New York, 7 ottobre

Il governo degli Stati Uniti giudica prematura la decisione di convocare ora una conferenza internazionale istitutiva della corte penale permanente e propone che sia la 50a sessione dell'assemblea generale a decidere in tal senso.

Gli Stati Uniti propongono la costituzione di un comitato ad hoc per discutere la bozza di statuto della corte penale internazionale preparata dall'International Law Commission.

Dichiarazione di Emma Bonino, segretaria del Partito radicale:

"Ritengo grave e non condivisibile - nel merito e nella forma - la posizione assunta dal governo degli Stati Uniti.

Il governo degli Stati Uniti ha scelto di investire direttamente le cancellerie dei governi, prescindendo dalle rappresentanze dei governi all'assemblea generale e dal dibattito che su questa questione vi dovrà essere in ambito nazioni unite. questo per quanto riguarda la forma.

Per quanto riguarda il merito, con la sua nota il governo degli Stati Uniti sembra voler affossare la possibilità che sia questa sessione dell'assemblea generale a decidere la convocazione della conferenza internazionale, entro il 1995, istitutiva della corte penale internazionale. questa posizione è condivisa da un gran numero di paesi, come testimoniano gli interventi in assemblea generale che si sono avuti negli scorsi giorni. è anche grave che il governo degli Stati Uniti assicuri gli altri governi che la costituzione del comitato favorirebbe la redazione di uno statuto della corte penale internazionale che loro potrebbero sostenere.

Il Partito radicale, insieme alle centinaia di parlamentari di tutto il mondo che in questi giorni hanno firmato l'appello per la convocazione della conferenza internazionale istitutiva della corte penale internazionale, chiede che dopo oltre quarant'anni di discussione sia giunto il momento di creare una nuova giurisdizione internazionale. tra qualche settimana questo fatto potrebbe essere possibile.

Questa è la mia posizione ed è anche la posizione del governo italiano, che rappresento nell'ambito dei lavori della VI commissione delle nazioni unite, che discuterà la questione dal prossimo 24 ottobre".

AL SEGRETARIO GENERALE DELLE NAZIONI UNITE

AL PRESIDENTE DELL'ASSEMBLEA GENERALE

AL PRESIDENTE DELLA VI COMMISSIONE DELL'ASSEMBLEA GENERALE

AI RAPPRESENTANTI DEGLI STATI MEMBRI

Noi sottoscritti,

Parlamentari, membri di Governo, cittadini di paesi membri dell'Onu:

Considerato

· che nel mondo - dall'ex Jugoslavia al Ruanda alle tante regioni che non fanno più neanche notizia - persistono e si accendono, in nome di antiquati nazionalismi e particolarismi etnici o di assurde e inaccettabili incomprensioni religiose, guerre e conflitti nel corso dei quali, calpestando valori e diritti umani, vengono commesse atrocità che sembrano far rinascere le violenze e gli orrori dei regimi totalitari;

· che è perciò necessario ed urgente ormai creare un valido nucleo di diritto e di giurisdizione internazionale che, esprimendo e dando concreta forza alla sete di giustizia degli uomini di buona volontà, risulti efficace e credibile nell'individuare e punire quanti si macchino di crimini condannati dalla coscienza comune;

· che tocca alla Comunità Internazionale - e per essa alle Nazioni Unite, espressione della volontà delle genti e dei governi liberi - creare e far vivere al più presto un tale nuovo diritto e giurisdizione, grazie all'istituzione di un Tribunale permanente sui crimini contro l'umanità dal quale possa essere efficacemente ripreso in scala globale quanto già parzialmente fatto con il Tribunale ad hoc sui delitti commessi nella ex Jugoslavia;

· che fin dal 1947 la Commissione del Diritto Internazionale ha lavorato per la redazione di un Codice di crimini contro la pace e la sicurezza dell'umanità, Codice adottato in prima lettura dalle N.U. già nel 1991;

· che la 48a Assemblea Generale (1993) ha conferito alla stessa Commissione il mandato prioritario di elaborare lo Statuto di un Tribunale Penale Internazionale, in tempo utile per la sua adozione dalla 49a Assemblea Generale (1994);

· che la Commissione del Diritto Internazionale ha finalmente definito una proposta di Statuto nella sua 46a sessione (maggio-luglio 1994) che esclude in ogni caso la pena di morte;

rivolgiamo un appello al Segretario Generale dell'Onu, al Presidente dell'Assemblea Generale, al Presidente della VI Commissione dell'Assemblea Generale, ai Rappresentanti degli Stati membri

· affinché assumano una decisa, urgente iniziativa procedurale

· perché l'Assemblea Generale, in occasione della sua 49a sessione di settembre-dicembre 1994, discuta la proposta di Statuto elaborata dalla Commissione e convochi per il 1995 una Conferenza delle Nazioni Unite con l'obiettivo di approvare il Trattato relativo alla istituzione ed al funzionamento della Corte Penale Internazionale.

Al 13 ottobre , tra le firme raccolte in tutto il mondo, 7 premi Nobel, 165 personalità, 610 parlamentari, 32 ex parlamentari, 272 amministratori locali.

Tra gli altri:

Oscar Luis ARIAS SANCHEZ, Premio Nobel per la Pace; Stanley COHEN, Premio Nobel per la Medicina nel 1986; Herbert A. HAUPTMAN, Premio Nobel per la Chimica nel 1985; John Charles POLANYI, Premio Nobel per la Chimica nel 1986; Abdus SALAM, Premio Nobel per la Fisica nel 1979; Frederik SANGER, Premio Nobel per la Chimica nel 1958 e 1980; George WALD, Premio Nobel per la Medicina nel 1967;

Cherif BASSIOUNI, Presidente "International Human Right Law Institute", Univ. di Chicago; Antonio ESCOHOTADO, Docente di Filosofia e Sociologia Univ. di Madrid; Lester GRINSPOON, Doc. Univ. Boston, Harvard Medical School; Yuri ORLOV, Fisico Nucleare, Fond. del Movimento Helsinki; Antonio PAPISCA, Dir. Centro Studi Diritti Umani Univ. Padova; Antonino ZICHICHI, Doc. Univ. Roma, Istituto Fisica Nucleare; Ralf DAHRENDORF, Politologo; Fernando SAVATER, Editorialista de "El País"; Pupi AVATI, Regista; Franco BATTIATO, Cantante; Bernardo BERTOLUCCI, Regista; François FEJTO, Storico e Politologo; Mihail GRUSHNEVSKIJ, Pittore; Nikolaj HALEZIN, Direttore Art Modern Centre; Konstantin Aleksandrovich KEDROV, Giornalista Isvestija Newspaper; Lindsay KEMP, Mimo, Coreografo; Alberto LATTUADA, Regista; Nino MANFREDI, Attore; Giudith MELINA, Attrice del "Living Theatre"; Oliviero TOSCANI, Fotografo; Gore VIDAL, Scrittore, Saggista, Sceneggiatore; Pasquale BANDIERA, Presidente Lega Italiana per i Diritti dell'Uomo; Adil KULE

NOVIC, Editore di "Radio 99", Sarajevo; Fernando SANCHEZ DRAGO, scrittore, editorialista di "EL Mundo" e di ABC; Sergej LAMEKIN NIKON, Vescovo della 'Vera Chiesa Ortodossa'; Valentino CASTELLANI, Sindaco di Torino; Adriano SANSA, Sindaco di Genova; Francesco RUTELLI, Sindaco di Roma; Antonio BASSOLINO, Sindaco di Napoli; Giorgio MORALES, Sindaco di Firenze; Massimo CACCIARI, Sindaco di Venezia; Boris ALTSCHUHLER, attivista dei Diritti Umani, Pres. "Mov. Without Front."; Marie Andrè BERTRAND, Pres. della Lega Internazionale Antiproibizionista; Garri Kimovich KASPAROV, Campione del mondo di Scacchi; Ognjen KRAUS, Pres. Comunità Ebraica della Croazia; Samir LABIDI, Pres. comit. educaz. cultura Comitato Econom. Tunisia; Evgenij PASCENKO, Pres. della Associazione "Ucraina-Croatia"; Raymond REHNICER, Scrittore, Architetto; Emil SCUKA, General Secretary of International Romany Union; Adolf SHAEVICH, Rabbino capo della Comunità israelitica di Mosca; Doudou THIAM, ex Ministro degli Esteri (Senegal), membro Internatio

nal Law Commettee; Elio TOAFF, Rabbino Capo Comunità Israelitica di Roma; Salvatore VECA, Filosofo; VO VAN AI, Pres. "Qu Me & Vietnam Committee on Human Rights"; Bruno ZEVI, Presidente d'Onore del Partito radicale;

MINISTRI E MEMBRI DI GOVERNO

B. ljubic, Ministro della Sanità, Bosnia Erzegovina; D. CONTESTABILE, Sottosegr. Min. Giustizia, Italia; J. M. DEHOUSSE, Ministro della Cultura e della Ricerca Scientifica, Belgio; W. A. E. MARTENS, Primo Ministro, Belgio; I. MUHAMEDAGIC, Vice-ministro della Giustizia, Bosnia Erzegovina; A. MUSARAJ, Ministro degli Interni, Albania; S. PODESTA', Ministro dell'Università e Ricerca, Italia; B. G. SALTYKOV, Ministro della Scienza e Tecnica, Russia; A. STAROVA, Vice-ministro degli Esteri;, Albania M. TADIC, Ministro della Giustizia, Bosnia Erzegovina; J. VAVROUSEK, Ministro dell'Ambiente, Rep. Ceca; I. ZIGIC, Ministro senza Portafoglio, Bosnia Erzegovina;

PARLAMENTARI EUROPEI

5 Verdi, 15 Liberali Democratici e Riformatori, 21 Forza Europa, 24 Socialisti europei, 18 Alleanza Radicale Europea, 14 Popolari europei, 2 Sinistra Unitaria europea 2 Non iscritti;

PARLAMENTARI

AUSTRIA

1 Partito Liberale, 1 Partito Socialdemocratico, 1 Verdi, 1 Liberales Forum;

ALBANIA

1 Indipendenti, 20 Partito Democratico, 20 Partito Socialista, 5 Partito Socialdemocratico;

ARMENIA

G. PETROSJAN, Presidente del Nagorno Karabach;

ARGENTINA

9 Partido Justicialista , 1 Partito Autonomista, 1 Frejupe;

AZERBAIGIAN

39 di gruppi diversi;

BELGIO

1 Anders Gaanleven, 4 Ecolo, 2 Riformatore Liberale, 4 Partito Socialcristiano , 5 Partito Socialista (vallone), 1 Partito Socialista (fiammingo), 1 Volksunie;

BULGARIA

1 Indipendenti, 13 Partito Socialista, 1 Partito Repubblicano Cristiano, 15 Dvizhenie za prava i svobodi, 10 soyuz na demoktatichnitesili, 1 Partito Radicaldemocratico;

BIELORUSSIA

6 di gruppi diversi;

BOSNIA ERZEGOVINA

Presidente del Parlamento;

SVIZZERA

1 gruppo Socialista, 1 Freis. Dem. Par. der Scvhw. Par. Rad. Dem.Suis., 3 Partito Socialista, 1 Partito Democristiano;

CROAZIA

1 Stranka Demokratske Akcije, 4 Hrvatska Demokratska Zajednica, 2 Hrvatska Narodna Stranka , 10 Hrvatska Socijalno Liberalna Stranka, 3 Partito Riforma Democratica-Socialdemocratica, Partito Socialdemocratico, 1 Partito Riforma Democratica,1 gruppi diversi;

GERMANIA

1 Unione Democratica-Cristiana, 1 Partito Liberaldemocratico, 1 Partito Socialdemocratico,1 gruppi diversi;

DANIMARCA

1 Fremskridtspartiet;

SPAGNA

1 Sinistra Unita, 3 Partido Socialista Obrero Español, 1 Esquerra Republicana de Catalunya;

IRLANDA

1 Fianna Fail, 12 Fine Gael;

FRANCIA

1 Partito Socialista, 4 Rassemblement pour la republique, 2 Unione per la Democrazia Francese, 1 Unione del Centro;

GRAN BRETAGNA

1 Indipendenti, 1 Conservatori, 1 Liberal Democratici;

GEORGIA

16 di gruppi diversi, 6 Sak. Erovnuli Damoukideblobis Partia, 3 Sakartvelos Mtsvaneta Partia, 3 Sakrtvelos Mokalaketa Kavshiri ;

UNGHERIA

6 Fiatal Demokratak Szovetsege-Fidesz,2 Magyar Szocialista Part ;

ITALIA

3 Indipendenti, 4 Liste Verdi, 1 Lega Nord,8 Partito Democratico della Sinistra,1 Democrazia Cristiana,

1 Rifondazione Comunista, 1 La Rete - Movimento per la Democrazia, 5 Lista Pannella-Riformatori, 14 Forza Italia, 7 Progressisti,3 Alleanza Democratica, 2 Alleanza Nazionale, 2 Partito Popolare Italiano ;

KAZAKISTAN

2 di gruppi diversi;

LUSSEMBURGO

1 Aktinskomites fir Demokratie a renterg ;

MOLDAVIA

3 di gruppi diversi, 2 Partito Democratico Agrario

PORTOGALLO

8 Partito Socialdemocratico , 4 Partito Socialista ;

POLONIA

1 indipendente;

ROMANIA

6 Indipendenti, 4 Democratic National Salvation Front, 21 Unione Democratica Magiara, 1 Romania Mare, 10 Fronte di Salvezza Nazionale, 3 Partito Alleanza Civica, 11 Partito Socialista Democratico, 2 Partito Socialdemocratico, 2 Ecologista, 2 Partito Liberale, 5 Partito Nazionale Contadino, 5 Partito Liberale ala giovani, 1 Uniu. Armenilor din Romania, 7 Partito Democratico, 12 Nation.Peasent Christian Democratic Par;

RUSSIA

2 indipendenti; 1 Partito Democratico, 1 Partito Comunista, 6 Blok "Javlinski-Boldyrev-Lukin", 6 Vybor Rossii , 2 Partito Liberaldemocratico, 1 Partija Ross. Edintsva i Soglasija, 1 Partito Agrario, 3 Unione Liberaldemocratica 12 Dicembre, 2 Party of Russian Unity and Concordance;

FINLANDIA

1 Liberaallinen KansanpuolueI, 1 Suomen Keskusta, 6 Suomen Sosialidemokraattinen, 6 Vihrealiitto;

UCRAINA

11 di gruppi diversi, 4 Narodnyj Ruh Ukrainy, 2 Ukrainsjka Studencheska Spilka, 1 Seljansjka Partija Ukrainy, 1 Partito Comunista;

STATI UNITI D'AMERICA

1 indipendente;

UZBEKISTAN

1 indipendente;

Rep. Autonoma Nagorno-karabach

1 indipendente.

money, money, money...

In Italia già raccolti oltre 78.000 dollari!

Invia anche il tuo contributo alla sede più vicina.

Questi i nomi dei firmatari che hanno già contribuito:

PARLAMENTARI EUROPEI

Adelaide AGLIETTA, Verdi; Gianfranco DELL'ALBA, Alleanza Radicale Europea; Marco PANNELLA, Alleanza Radicale Europea, Presidente del Partito radicale;

PARLAMENTARI

Indipendenti

Cesare DUJANY; Claudio MAGRIS; Alessandro MELUZZI;

Partito Democratico della Sinistra

Luciano GUERZONI, Vice-presidente Gruppo parlamentare; Domenico MASELLI; Antonio Enrico MORANDO; Cesare SALVI, Presidente Gruppo parlamentare;

Democrazia Cristiana

Gabriele DE ROSA, docente;

La Rete - Movimento per la Democrazia

Carmine MANCUSO;

Lista Pannella - Riformatori

Emma BONINO, Segretaria del Partito radicale; Giuseppe CALDERISI; Francesca SCOPELLITI; Lorenzo STRIK LIEVERS; Paolo VIGEVANO;

Forza Italia

Lucio LEONARDELLI; Carlo Giacomo ARCHIUTTI; Roberto CIPRIANI; Antonio D'ALI'; Enzo GHIGO; Giuliano GODINO; Giancarlo INNOCENZI; Enrico LA LOGGIA, Presidente Gruppo parlamentare; Tina LAGOSTENA BASSI; Tiziana MAIOLO, Presidente Commissione Giustizia, Giovanni MICCICHE'; Enrico Paolo NAN; Pierangelo PALEARI; Giuseppe Pietro Mario PALUMBO; Paolo ROMANI; Sergio Augusto STANZANI GHEDINI; Cosimo VENTUCCI;

Progressisti

Maria Gloria BRACCI MARINAI; Gino GIUGNI; Giuseppe GIULIETTI; Miriam MAFAI;

Alleanza Democratica

Ferdinando ADORNATO; Giorgio BOGI, ex Segretario Partito Repubblicano; Willer BORDON;

Alleanza Nazionale

Michele CACCAVALE; Antonio GUARRA; Saverio Salvatore PORCARI; Gustavo SELVA; Maurizio MENEGON;

Partito Popolare

Aniello PALUMBO;

PERSONALITA'

Stefano PODESTA', Ministro dell'Università; Bernardo BERTOLUCCI, regista; Piero D'ORAZIO, pittore; Bruno ZEVI, presidente d'onore del Partito radicale; Angiolo BANDINELLI, già Segretario Partito radicale; Corrado BOHM, Docente, Univeristà di Roma; Vito BONSIGNORE, ex deputato; Aldo BRACHETTI, Presidente Italiani Petroli; Salvatore CATTANEO, Docente di giurusprudenza; Roberto CICCIOMESSERE, già Segretario Partito radicale, ex deputato; Francesco COLUCCI, ex deputato; Mimmo DAMIANI, funzionario Unicef; Guido GHIBAUDO, Docente, Università di Torino; Giuseppe GRADELLA, Docente, Università di Padova; Massimo MODUGNO, Musicista; Maria Giovanna MAGLIE, giornalista; Rino NICOLOSI, ex deputato; Adriana PANNI, Presidente Accademia Filarmonica di Roma; Poppi RANCHETTI, Docente, Accademia dell'Arte di Venezia; Carla ROSSI, Docente di Statistica Università di Roma, presidente del CoRA (Coordinamento Radicale Antiproibizionista); Raffaele ROTIROTI, ex deputato; Leo SOLARI, Vice-presidente Banca del Credito Italiano; Fabri

zio STARACE, Docente, Università di Napoli; Sandro TESSARI, ex deputato; Angelo VALENTINI, funzionario Ue;

SINDACI

Aldo BULSANI, Caserta; Antonio CENTI, L' Aquila; Giancarlo CITO, Taranto; Massimo EMILIANI, Castigion della Pescaia; Francesco RUTELLI, Roma; Roberto SOFFRITTI, Ferrara; Giacomo SPISSU, Sassari;

AMMINISTRATORI LOCALI

(cons. regionali, provinciali, comunali)

Giuseppe Benedetto, Abruzzo; Sergio Berlato, Veneto; Antonio Bogoni, Veneto; Guido Bonino, Piemonte; Luigi Bonomelli, Lombardia; Silvana Bortolin, Piemonte; Aldo Bottin, Veneto; Gian Paolo Brizio, Piemonte; Sandro Bruni, Lombardia; Paolo Cadrobbi, Veneto; Giorgio Carollo, Veneto; Umberto Carraro, Veneto; Enzo Cucco, Lombardia; Luigi D'Agro, Veneto; Giovanni D'Alfonso, Lombardia; Paolo Danuvola, Lombardia; Gino Del Gatto, Abruzzo; Marco Fallabrini, Genova; Franco Frigo, Veneto; Enrico Gasbarra, Roma; Paolo Ghersina, Friuli Venezia Giulia; Giampaolo Gobbo, Veneto; Tullio Guadagnin, Veneto; Paolo Guerra, Lazio; Giorgio Inzani, Lombardia; Gian Piero Leo, Piemonte; Franco Mapelli, Lombardia; Renzo Marangon, Veneto; Pietro Ivan Maravigna, Catania; Primo Mastrantoni, Lazio; Gianluigi Mazzufferi, Marche; Carduccio Parizzi, Emilia Romagna; Vittorio Pezzuto, Liguria; Giuseppe Podda, Cagliari; Mario Puiatti, Friuli Venezia Giulia; Lia Sartori, Veneto; Salvatore Sciangula, Sicilia; Gigliola Sironi, Lombardia; Fabio Valc

anover, Trento; Emilio Vesce, Veneto;

E ...

Roberto Albani; Luciana Alchieri; Cecilia Angioletti; Anna Angioni; Andrea Ansalone; Stella Antonucci; Laura Arconti; Giuseppe Arena; Giovanni Attucci; Anna Autorino; Saverio Bagnati; Italo Bandiera; Nice Baroni; Roberto Bartolucci; Roberto Bassi; Bruno Bazzani; Federico Bazzi; Elena Becherucci; Emilia Bellon; Francesco Benzi; Alberto Benzoni; Lucio Bertè; Marco Berti Palazzi; Daniele Bigliani; Alfonsina Billi; Daniele Billiani; Roberta Binucci; Aurora Bitetti; Luigi Bitto; Giovanna Boccolino; Catterina Bonino; Giovanni Bonino; Silvana Bononcini; Renato Bozzini; Mario Brambilla; Donatella Brancatisano; Antonio Brocca; Clotilde Buonassisi; Concetta Caggiano; Gianfranco Capannolo; Pino Caparrotti; PierPaolo Capra Agostini; Norberto Capriolo; Michele Carelli; Massimo Carrieri; Werther Casali; Piero Casini; Antonio Castaldini; Guido Cataldo; Francesco Cavalcoli; Paolo Cesari; Violetta Cesaroni; Nicoletta Chiornio; Nicolino Cichetti; M.Teresa Cinti Nediani; Luigi Cirillo; Cesare Colombo; Paolo Corbetta; M.Luisa C

orrias; Patrizia Cortinovis; Mario Costantini; Daniele Dall'Asta; Giancarlo Dalla Costa; Pierpaolo Dallera; Ezio Dallo; Luisa Del Grosso; Benedetto Della Vedova; Mauro Desiderio; Mariano Donà; Luigi Donalisio; Adriano Faccin; Mara Felicori; Claudio Ferretti; Valeria Ferro; Teresa Fogliato; Raffaele Forci; Rosanna Forconi; Giovanna Frasca Polara; Ferruccio Gaggio; Ugo Gaiani; Maurizio Gallenda; Michela Gallo; Gianfranco Gallo; Enrico Galloni; Gianni Gamba; Claudio Gamba; Elio Gambarotta; Claudia Garzena; Giuliano Ghilotti; Barbara Giuffrida; Margherita Giuliani Ricci; Giorgio Giuseppe; Nella Giusto; Orlando Gobbi; Virginio Grassi; Giacomo Iannandrea; Tino Inguscio; Gianfranco Iozzi; Francesco Izzo; Vito La Spina; Carlo Lanza; Lega Abolizionista "Nessuno Tocchi Caino"; Antonio Leone; Marco Licaboni; Luigi Locatelli; Roberto Loddo; Ferdinando Lombardi; Mirella Lombardi; Luciana Lucioli; Lucio Lucioli; Vanni Malagola; Giovanni Manara; Paola Marin; Olga Mazzia; Francesca Mercurio; Massimo Mezzanzanica; Fabio Milu

zzi; Maria Teresa Moine; Paolo Monaco; Domenico Moniaci; Lorenzo Morri; Carlo Mosca Boglietti; Giangiorgio Mosso; Romana Mura; Paolo Musso; Veronica Orofino; Bruno Panni; Carlo Papalini; Davide Paraluppi; Marino Pasquettaz; Simonetta Pazzarelli; Roberto Pelizzi; Stefano Petrella; Nazario Pierdominici; Maria Pinciroli; David Poli; Fausto Pompili; Maurizio Provenza; Nevol Querci; Giorgio Ragazzini; Aldo Ravazzi; Carlo Rebagliati; Luigi Renni; Mario Riccaboni; Giampietro Riccardi; Giuseppina Ricci; Silvio Righini; Rosetta Rigo; Alberto Rizzoli; Marco Rocca; Roberto Rosina; Mara Rossi; Roberto Rossi; Umberto Rovelli; Mauro Roviario; M.Angela Ruga; Ilaria Rusconi; Lamberto Rusconi; Sergio Sacco; Simona Sala; Giuseppe Saltarelli; Antonio Salvi; Paola Sanguinetti; Roberta Santini; Pietro Ugo Scaringi; Max Schachter; Giancarlo Scheggi; Sara Scrinzi Evangelisti; Maria Renata Sequenzia; Rita Serra; Emiliano Silvestri; Antonia Sincich; Marina Sisani; Annamaria Testa; Norbert Thaler; Andrea Torelli; Enzo Traini; Donatel

la Trentini; Carlo Triarico; Francesco Trombi; Miriam Urga; Milvia Valenti; Rolando Veltri; Giancarlo Vetrugno; Mauro Zanella; Paola Zani; Enrico Zavattini; Giovanni Zerbini.

 
Argomenti correlati:
transnazionale
usa
onu
bonino emma
stampa questo documento invia questa pagina per mail