Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 21 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Prat M. - 14 luglio 1995
RADICALE UCCISO A MOSCA ORA SI SOSPETTA L'EX KGB
occhiello: SERVIZI SEGRETI NEL CASO TAMBURI

14 luglio 1995

di M.Prat

SOMMARIO. Riferisce quanto dichiarato da un dirigente di Glasnost, una organizzazione russa per la difesa dei diritti umani, ad un quotidiano di Mosca.

Il coordinatore della attività del partito radicale per l'est europeo, Andrea Tamburi, 46 anni, fiorentino, morto a Mosca nel febbraio 1994, potrebbe essere stato ucciso dai servizi segreti russi. Lo ha dichiarato Serghiei Grigoryants, dirigente di Glasnost, un'organizzazione russa per la difesa dei diritti umani, al quotidiano Moscow Tribune.

Andrea Tamburi morì il 27 febbraio '94 in un ospedale di Mosca dopo quattro giorni di agonia. Secondo Grigoryants, in Russia, dal 1991 ad oggi, ci sono stati sei omicidi politici in cui gli indizi portano ai servizi segreti. La morte di Tamburi, ha detto Grigoryants, "è un omicidio politico che rientra nelle migliori tradizioni dell'ex Kgb".

Sulla scomparsa di Tamburi le autorità di Mosca fornirono una versione ufficiale sostenendo che l'esponente radicale era stato travolto da un'auto pirata nella notte fra il 23 e il 24 febbraio e ricoverato in ospedale dove morì, dopo quattro giorni, a causa dei traumi riportati. Quando Tamburi venne riportato in Italia con un aereo aveva entrambe le gambe ingessate. Ma l'autopsia disposta dal sostituto proicuratore Bruno Maresca, che aveva aperto un'inchiesta per omicidio sulla base delle dichiarazioni di alcuni compagni di partito di Tamburi a Mosca, non riscontrò l'esistenza di fratture. I periti stabilirono anzi che le lesioni erano più compatibili con un pestaggio che non con l'incidente stradale.

Dopo i sospetti del magistrato firoentino, che ha avviato anche una rogatoria internazionale per condurre indagini in Russia, anche il giudice Igor Ignatev, inquirente della sezione istruttoria di Mosca si è dovuto ricredere: adesso più nessuno ha dubbi, anche nella capitale russa, sul fatto che Tamburi sia stato vittima di un'aggressione.

Fra i maggiori sostenitori della tesi dell'assassinio politico è Nikolaj Khramov, uno dei coordinatori delle attività del partito radicale a Mosca. Nell'aprile scorso, anche Khramov è stato aggredito e ferito gravemente alla testa da tre persone mentre rientrava a casa dopo una riunione nell sede del partito. Secondo un testimone i tre aggressori, due uomini e una donna, dissero agli agenti di far parte "dei corpi", in gergo i servizi segreti russi.

 
Argomenti correlati:
mosca
kgb
stampa questo documento invia questa pagina per mail