Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 18 gen. 2019
  cerca in archivio   COMUNICATI
BISESSUALITA', PANNELLA: HA RAGIONE VERONESI, DAL PROCREARE COME BESTIE PASSIAMO ANTROPOLOGICAMENTE AL CONCEPIRE CON AMORE

Roma, 20 agosto 2007

• da una nota di agenzia letta a Radio Radicale

“Le affermazioni di Veronesi vengono in un momento in cui l'evoluzione antropologica chiarissimamente sta superando l'imperativo della riproduzione animale come necessità per sopravvivere”. Così Marco Pannella, nel corso della consueta conversazione settimanale ai microfoni di Radio Radicale, commenta le dichiarazioni di Veronesi sul Riformista, riprese dal Corriere della Sera. “La carezza non è finalizzata a creare il momento della riproduzione, ma è dovuta all'intelligenza e alla scelta di un modo di intendere l'amore e la famiglia. Dal procreare come bestie passiamo al concepire con amore”. “Veronesi – continua il leader radicale - parla partendo da un piano scientifico. Afferma che da quello che si riesce a comprendere dalle strutture del cervello, dei corpi, dell'evoluzione della specie animale umana, sicuramente quello che possiamo prevedere è che abbastanza presto la bisessualità si diffonderà. E dice che ciò accade perchè, di già, abbiamo delle produzioni ormonali - negli uomini e nelle donne - che vedono ridursi enormememente le caratteristiche connotanti di queste due specie umane”.

“In particolare mi sta a cuore un connotato che noi radicali abbiamo sempre dato alla battaglia per i diritti civili degli omosessuali e di tutti. Abbiamo sempre tenuto presente l'aspirazione ad una sessualità diversa, non ad una sessualità migliore di quella eterosessuale o di quella omosessuale maschile, o meglio di quella femminile. Purtroppo oggi abbiamo tutto un militantismo organizzato che vuole il matrimonio, poi i figli... Tutte cose che comprendo ma sicuramente non condivido. Forse invece ci dev'essere l'ambizione di offrire al mondo, a tutti, - agli etero-cretini tanto quanto agli omo-cretini, agli etero-intelligenti tanto quanto agli omo-intelligenti - un modo diverso di concepire la sessualità”.



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail