Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
sab 20 lug. 2024
  cerca in archivio   NOTIZIE
Radicali-Gorizia: replica alla lettera dell'avv. Agostinis Presidente del Consorzio Universitario

Gorizia, 22 giugno 2009

Grazie alla replica del Presidente del Consorzio e all'attenzione della stampa locale, favorevolmente stigmatizzata dallo stesso, proviamo con questa nostra,  ad avanzare in quello che, meglio di noi, anche il Presidente, tra le righe, denuncia essere il problema di fondo del Consorzio ma piu' in generale degli enti pubblici: il rapporto tra cittadino e la cosa pubblica.  Un rapporto che alla luce della quotidiana esperienza e delle considerazioni stesse del Presidente in termini di organizzazione potrebbe essere definito burocratico-padronale.   Burocratico perche' mentre noi con le 10 domande rimaste senza risposta chiediamo facilita' di accesso all'informazione (delibere, curricula, costi, bilanci...) tramite la semplice pubblicazione dei documenti sui siti istituzionali, il Presidente rimane sordo a questo bisogno e replica con un riflesso da burocrate che non dà soluzioni al problema ma si limita a chiarire che tutto e' fatto secondo legge... E ci mancherebbe! E' necessario ma non e' sufficiente.   Come il classico burocrate suggerisce poi di girare tra uffici per consegnare "domande in carta bollata"con approccio anacronistico e utile a mantenere burocrazie inefficienti, poiché potrebbe bastare un clik per risolvere la faccenda.    Potrebbe bastare un clik anche per conoscere meglio le necessita' degli studenti, mettendo on-line un questionario. Lei sara' certo un ottimo interprete delle esigenze dei soci pubblici ma e' certo di esserlo anche delle necessita' degli studenti?   L'aspetto "padronale" lo si rintraccia nel suo suggerimento di rivolgersi a questo o quel Consigliere per ottenere quello che piu' semplicemente si puo' ottenere, sempre e solo, con un clik.  D' altronde questa e' la risposta classica di tutti quelli che credono che il ruolo del Consigliere sia quello del "padrino" dei propri amici piuttosto che di "servitore" della collettivita'. Vale per la avvilente vicenda dell'autentica delle firme, come per l'ostilita' verso gli strumenti di partecipazione diretta vissuti dalla partitocrazia locale come il peggiore dei mali. Non per niente a Gorizia non si e' mai tenuto un solo Referendum consultivo.  Questo metodo "burocratico-padronale" va contrastato non tanto perche' il " diritto non si chiede" ma soprattutto perche' non e' accettabile che i gestori della cosa pubblica, e lei con loro, si dimentichino che e' un loro dovere quello di rimuovere ostacoli alla conoscenza ed alla partecipazione. Un unico strumento consente (consentirebbe) a chiunque in qualsiasi condizione fisica (studenti con difficoltà motorie, anche solo transitorie, ma anche cittadini non studenti, interessati a conoscere!) di "raggiungere" le delibere del consorzio e del consiglio comunale, i bilanci o i servizi, i relativi costi... senza fare il giro dell'oca fra i diversi uffici competenti ... ma con un semplice click!  Per questo allora insistiamo a che lei, proprio lei,  metta il suo cv on line, e tutti gli atti, di programma e di spesa, i bilanci, le delibere etc del Consorzio on line. I giovani hanno bisogno di modelli positivi: la massima e assoluta trasparenza nella gestione della res pubblica è uno di quei principi fondamentali di cui mancano modelli tangibili troppo spesso; laddove, invece, il  rapporto burocratico-padronale genera sfiducia e financo solitudine.  Vogliamo perciò aiutarla a farsi oggi pioniere di questa lotta democratica contro la solitudine di quanti non vogliono o non possono adattarsi al sistema "burocratico-padronale", avviando una raccolta firme su 2 petizioni ( una rivolta al Presidente del Consiglio Comunale ed una a quello Provinciale) tesa a ottenere che i 2 Consigli, insieme alla CCIAA ed alla Fondazione, si esprimano circa la necessita' di pubblicare tutte le informazioni richieste sul sito del Consorzio. 

Pietro Pipi (tesoriere) Marzia Pauluzzi (presidente) Lorenzo Cenni (segretario) Associazione radicale Trasparenza è Partecipazione  Gorizia  



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail