Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 18 feb. 2019
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Stop alle lampade abbronzanti "Provocano il tumore alla pelle"

• da La Repubblica del 30 novembre 1999, pag. 17

di Elena Dusi

"Cancerogene", senza più il beneficio del dubbio. Le lampade abbronzanti fanno un salto nella classificazione dei fattori di rischio per il tumore. Dalla seconda categoria ("probabilmente cancerogeno") passano alla prima ("cancerogeno" tout court). La decisione è stata presa dall´Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, che fa parte dell´Organizzazione mondiale per la sanità, ed è pubblicata sul numero di agosto di "The Lancet Oncology".
«La nostra analisi ha concluso - scrive il gruppo di 20 esperti basato a Lione e guidato da Fatiha al Ghissassi - che l´esposizione ai raggi ultravioletti artificiali prima dei trent´anni di età fa aumentare il rischio di melanoma del 75 per cento». Il melanoma è il più aggressivo fra i tumori della pelle e se una cinquantina d´anni fa era considerato malattia piuttosto rara, oggi in Italia la sua incidenza aumenta al ritmo del 4-8 per cento all´anno. A livello mondiale, si calcola che i casi di questo tumore siano raddoppiati negli ultimi dieci anni. «Inoltre - mette in guardia l´Agenzia di Lione - l´abbronzatura artificiale è anche legata al maggior rischio di malattie degli occhi». Cataratta e infiammazioni della cornea in primis.
La Germania, alcuni stati degli Usa e dell´Australia hanno vietato l´uso dei lettini solari ai minorenni. Anche il governo inglese sta studiando una misura analoga. In Italia invece la foresta delle circa 40mila lampade abbronzanti, distribuite in 13 mila centri estetici, resta ancora poco regolamentata. Tanto che a fine giugno i senatori radicali e del Pd Donatella Poretti e Marco Perduca hanno presentato un´interrogazione al ministro del Welfare Maurizio Sacconi per "determinare le caratteristiche tecnico-dinamiche e i meccanismi di regolazione" dei lettini solari. Queste norme, spiegano i due parlamentari, "erano previste dalla legge del 4 gennaio 1990" e il termine massimo di 120 giorni è scaduto da una ventina d´anni.
L´allarme dell´Oms riguarda l´uso delle lampade abbronzanti da parte dei giovanissimi, la diffusione di apparecchi sempre più potenti, delle offerte promozionali o dei lettini solari a gettone, che possono essere usati senza limiti né supervisione. Alcuni apparecchi di ultima generazione, mette in guardia il rapporto dell´Agenzia, rendono più rapida l´abbronzatura aumentando la quota di raggi ultravioletti di tipo B (quelli a maggiore energia, più pericolosi) rispetto a quelli di tipo A. Queste radiazioni hanno il potere di danneggiare il Dna delle cellule della pelle, arrivando in casi estremi a trasformare cellule normali in tumorali. Ma per il cliente di un centro estetico, le caratteristiche tecniche della lampada che stanno per usare sono spesso inaccessibili.
Alla salute della pelle neanche la crisi economica sembra far bene. Un sondaggio dell´associazione inglese "Cancer Research" ha dimostrato che un quinto degli habitué dei centri estetici ha deciso di aumentare la frequenza delle sedute abbronzanti perché non può permettersi una vacanza.


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail