Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 23 lug. 2024
  cerca in archivio   NOTIZIE
Santarossa: Lega corresponsabile della spartizione partitocratica e dell'aumento della spesa pubblica

11 settembre 2009

• dichiarazione di Stefano Santarossa, presidente dell'Associazione "Radicali Friulani"

La Lega Nord, che¬†negli anni¬†ha gridato allo scandalo¬†della lottizzazione dei partiti,¬† √®¬†sempre pi√Ļ¬†responsabile di quelle politiche che hanno provocato la crescita incontrollata della spesa pubblica, oltre alla scarsa qualit√† della spesa stessa, sia a livello nazionale che a livello delle Regioni e degli enti locali.

La Lega infatti √® stata determinante¬†nel¬†appoggiare in Parlamento l'aumento incontrollato dell'assistenzialismo al sud ( vedi¬†l'episodio¬†grottesco¬†dei forestali dellíAspromonte), per non parlare del finanziamento pubblico ai partiti e delle lottizzazioni a ogni livello, incluse quelle che stanno proliferando negli enti locali e nelle regioni.

 

La collezione di poltrone di Enzo Bortolotti,¬† Sindaco di Azzano, presidente del consiglio provinciale¬†di Pordenone, vice presidente dellíAnci regionale, segretario provinciale e presidente regionale¬†della Lega Nord, e ora, vicepresidente di Autovie √® la dimostrazione che i leghisti quando si tratta di dividersi poltrone ed incarichi non sono secondi a nessuno. E a proposito di nepotismo come non ricordare la recente investitura di Renzo Bossi, figlio del Senatur¬† a membro dell'osservatorio dell'Expo di Milano e¬†portaborse in¬†Europa di Francesco Speroni. Con il particolare che il neodiplomato ragioniere ha all'attivo ben tre bocciature all'esame di maturit√†.

 

Noi da radicali da anni chiediamo da anni l'anagrafe pubblica degli eletti e nominati, affinchè vengano  resi noti tempi, procedure, criteri di scelta, curricula di coloro che si intende nominare nelle aziende partecipate (Ater, Aereoporto di Ronchi...) e gli accordi presi dalle coalizioni per la scelta degli assessorati esterni.

 

Questo non per dare vita ad una lottizzazione Ďpluralisticaí, ma per rispetto delle istituzioni e dei cittadini che "mantengono" i potenti di turno, che hanno tutto il diritto di conoscere dalle sedi istituzionali competenti, e di far valere nelle urne, eventuali responsabilit√† politiche conseguenti alle scelte che verranno fatte.

 



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail