Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
sab 04 apr. 2020
  cerca in archivio   NOTIZIE
Milano, Poirè: San Patrignano ormai è qui

7 aprile 2010

  • Dichiarazione di Francesco Poirè, segretario dell’associazione Enzo Tortora – Radicali Milano
Il dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha concesso 63 mila euro di finanziamenti al Comune di Milano per realizzare un progetto sulla base del protocollo “Drugs on street”, questi soldi serviranno per acquistare mille kit pre-test salivari per l’accertamento dell’uso di sostanze psicotrope e per effettuare controlli per 10 settimane nei weekend estivi con pattuglie della Polizia Locale fuori dalle discoteche e luoghi di ritrovo.

Il vicesindaco si dice interessato a salvare vite umane con questa operazione, invece l’unica cosa che potrà salvare sarà la sua faccia da proibizionista e quella del suo sindaco, portavoce di San Patrignano, che governa la città come se si fosse in guerra: coprifuoco in alcune zone, militari ad ogni angolo ed ora altra polizia e controlli.

Qualcuno dovrebbe mostrare le statistiche ANIA a De Corato, le cattive condizioni stradali e il degrado della segnaletica producono oltre il doppio degli incidenti della guida sotto sostanze stupefacenti, non voglio con questo difendere la guida di persone non completamente lucide ma se si vogliono salvare vite umane forse bisognerebbe partire da quelle che creano piĂą vittime e che sono piĂą facilmente risolvibili.

Invece di spendere 63 mila euro per comprare dei kit pre-test salivari dovrebbe pensare a mettere a posto le strade e i marciapiedi della cittĂ  ridotti ormai a groviera dalle piogge, dal gelo e dai cantieri;

Ciclisti e motociclisti sono le principali vittime delle buche e della cattiva segnaletica stradale ma il comune non si preoccupa di costruire piste ciclabili e anzi si permette di perdere circa 21 mila euro di finanziamenti statali e regionali concessi per la costruzione di piste ciclabili mai costruite e di altri 6,5 milioni stanziati nel
2009 e non ancora spesi.


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail