Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
gio 18 lug. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Arriva una raffica di scioperi che non servono più a nulla

• da Il Giornale del 31 maggio 2010

di Francesco Forte

 

La manovra di finanza pubblica non è ancora ufficialmente nota, ma già si annuncia un’ondata di scioperi
organizzati dalla Cgil che si incroceranno con altri scioperi, decisi per altre ragioni, dagli stessi burattinai e da altre single sindacali, con una particolare concentrazione nel settore dei trasporti. Essi tormenteranno gli italiani e i turisti stranieri per tutto giugno, in modo «articolato»: quando uno sciopero sarà cessato, ci sarà l’altro.
L’antipasto è costituito dallo sciopero del 7 giugno di 4 ore, dalle 14 alle 16, del personale di assistenza a terra degli aeroporti. Il giorno dopo sciopera Tirrenia, la società di navigazione, che esercita i traghetti per la Sardegna e la Sicilia, che dovrebbe essere privatizzata. Invece l’11 di giugno ci sarà lo sciopero dei servizi di trasporto pubblico locale di 24 ore destinato a provocare disagi in particolare nei grandi agglomerati urbani. La controversia riguarda le aziende di trasporto degli enti locali, ma i danneggiati veri sono gli utenti dei servizi. Appena terminato questo sciopero, il giorno dopo avrà luogo una nuova tortura di carattere generalizzato, quella causata dallo sciopero di tutti i lavoratori pubblici e della scuola indetto dalla Cgil. In questo caso la protesta sarà diretta contro il governo nazionale per la manovra di finanza pubblica. II 18 giugno ci sarà lo sciopero del personale dei bagagli della Sea, la società degli aeroporti milanesi che durerà 24 ore e riguarderà sia Linate che Malpensa. Nello stesso giorno avrà luogo lo sciopero del personale di assistenza di volo dell’Enav di 4 ore, dalle 12 alle 16. Ovviamente si tratta delle ore centrali della giornata, quelle di traffico più intenso, con paralisi e ritardi per i voli delle ore successive. Come se non bastasse, il 18 giugno dovrebbero scioperare per 24 ore anche i piloti di Alitalia ed AirOne. I1 24 giugno, invece, dalle 21 alle 21 del 25 ci sarà lo sciopero delle Ferrovie. Infine, dopo questi tormenti, ci sarebbe lo sciopero generale articolato e differenziato sul territorio di 4 ore indetto dalla Cgil contro la manovra di finanza pubblica, definita iniqua e sbagliata. Per ora è sospeso lo sciopero dei magistrati contro il taglio delle loro retribuzioni, in attesa di accertarne la portata e le modalità, ma esso potrebbe essere effettuato se il taglio sarà quello preannunciato.
Lo sciopero, nella sua origine storica e nella sua funzione, riguardava i rapporti fra lavoratori e imprese. Ma poi, particolarmente con la cultura comunista, per cui il sindacato è la cinghia di trasmissione del partito, lo sciopero è venuto degenerando, e ha assunto la natura anomala di una protesta contro il governo e contro il Parlamento. E per renderlo più efficace i leader dei sindacati di cultura comunista e post comunista, imitati dagli autonomi, hanno pensato di recare danno non tanto alle imprese di economia di mercato, quanto a quelle dei servizi pubblici e ai cittadini che ne fruiscono. Ed è perciò che il menù, come si è visto, prevede per giugno una raffica di scioperi, in cui campeggiano quelli dei trasporti e quelli dei servizi pubblici dello Stato, delle Regioni, delle Province e dei Comuni e forse delle Asl, con lo sciopero generale della Cgil come atto finale.
Lo sciopero generale contro una legge è un atto politico. La Cgil ne indice due, uno di tutti i dipendenti pubblici (oltre 4 milioni di lavoratori: ma resta da vedere quanti sciopereranno) e uno di tutti gli addetti delle imprese, dei lavoratori autonomi e (di nuovo) delle pubbliche amministrazioni. Gli scioperi contro le manovre rivolte a mettere in sicurezza i conti pubblici, al fine di garantire la solvibilità del debito pubblico, hanno un effetto nocivo per la credibilità ditali manovre, perché gli operatori dei mercati finanziari e le agenzie di valutazione dei debiti dei governi sono portati a pensare chele misure stabilite nei decreti e nei disegni di legge potrebbero incagliarsi di fronte alle proteste di massa. Inoltre, si può pensare che il governo, in seguito, non si senta in grado di fare altre manovre, qualora si rendano necessarie. Gli scioperi in Grecia e in Spagna, successivi alla approvazione delle recenti misure di risanamento finanziario, hanno causato il degrado dei rispettivi debiti pubblici, riducendo l’efficacia di tali politiche, a parità di sacrifici che generano. Questi scioperi, dunque, costituiscono un autentico autolesionismo. Ciò senza contare l’assurdità di uno sciopero generale contro un decreto che stabilisce misure incisive contro l’evasione dell’Iva e tagli agli alti stipendi come se ciò fosse contro l’interesse delle masse lavoratrici.


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail