Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 14 giu. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Assegno di invalidità per gli stranieri: si può anche senza Carta di Soggiorno

• da L'Unità del 1 giugno 2010

 

La Consulta con sentenza n. 187/2010 del 26 maggio, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art.80, comma 19, della legge 388/2000, nella parte in cui richiede il possesso della Carta di soggiorno ai fini della concessione agli stranieri, legalmente soggiornanti nel territorio dello Stato, dell’assegno mensile di invalidità.
Per ottenere la Carta di soggiorno sono necessari un reddito minimo e la presenza legale in Italia da almeno 5 anni. Di recente, la Corte Costituzionale aveva dichiarato illegittima e illogica la disponibilità di un reddito per l’erogazione di misure mirate a supplire all’incapacità della persona di produrre reddito. Rimaneva, però, il requisito di soggiorno quinquennale.
Ora la Corte dichiara illegittimo (in materia di previdenza destinata a garantire il sostentamento minimo della persona), qualsiasi discrimine tra cittadini italiani e stranieri regolarmente soggiornanti, in linea con il principio sancito dall’art.14 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Secondo questo articolo «il godimento dei diritti e delle libertà riconosciuti nella presente Convenzione deve essere assicurato senza nessuna discriminazione, in particolare quelle fondate sul sesso, la razza, il colore, la lingua, la religione, le opinioni politiche o di altro genere, l’origine nazionale o sociale, l’appartenenza a una minoranza nazionale, la ricchezza, la nascita o ogni altra condizione».
La sentenza infligge un duro colpo alla norma del 2000, secondo la quale il possesso della Carta di soggiorno era criterio di esclusione dal diritto alle misure di assistenza sociale di numerosi cittadini. Ogni tanto una bella notizia.,

Italia-razzismo è promossa da:
Laura Balbo, Rita Bernardini, Andrea Billau, Andrea Boraschi, Valentina Brinis, Valentina Calderone, Giuseppe Civati, Silvio Di Francia, Francesco Gentiloni, Betti Guetta, Pap Khouma, Luigi Manconi, Ernesto M. Rullini, Iman Sabbah, Romana Sansa, Saleh Zaghloul, Tobia Zevi.


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail