Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 20 nov. 2018
  cerca in archivio   NOTIZIE
Tantone(FGS): "Solidarietà e stima a Zamparutti e Bolognetti"

1 giugno 2010

• Da Il Quotidiano della Basilicata, 1 giugno 2010(Stralcio)

"Solidarietà e stima all'onorevole Zamparutti ed all'innominato e innominabile compagno Maurizio Bolognetti segretario dei Radicali Lucani, i quali sono stati oggetto di considerazioni sicuramente censurabili espresse dal Direttore generale...Senza dilungarci sullo stato delle non bonifiche che interessano i siti contaminati dall'amianto e dalla chimica, basterà ricordare che per effetto della fuga della chimica di Stato, ci ritroviamo tramite i consorzi industriali, e quindi tramite la regione ed i comuni, ad avere la proprietà anche di queste bombe ecologiche. In sintesi, è evidente il bisogno di rendere più chiara e intellegibile la governance di queste siatuazioni."
 
Da Basilicatanet, 1 giugno 2010
 
"A tale iniziativa- conclude Tantone- dovranno partecipare anche tutti quegli enti ed associazioni che da anni vigilano ed informano su questo tema, e finche tale azione non verra messa in campo, siamo condannati a sperare che l’innominabile Bolognetti continui a scrivere”.
 
TANTONE (FGS): NUOVA GOVERNANCE PER L'AMBIENTE
 
Il segretario dei Giovani Socialisti, Raffaele Tantone, interviene sulle dichiarazioni rilasciate dal direttore generale dell’Arpab, Vincenzo Sigillito.
“Il vero problema - afferma Tantone - è che a fronte delle presenza in Basilicata di una serie di attività potenzialmente molto impattanti sull’ambiente e sul futuro delle nuove generazioni, non vi è sicuramente un’adeguata ed efficiente trasparenza e distinzione di ruoli e funzioni fra tutti i soggetti più o meno pubblici diversamente preposti all’informazione ed alla salvaguardia della salute dei cittadini.
Tale situazione si è generata anche a causa dell’evoluzione legislativa nazionale, che da un lato ha passato competenze alle regioni e dall’altro produce norme come quella enunciata nel principio di autodenuncia tempestiva citato dal DG”.
Certamente una regione dai piccoli numeri ha grandi difficoltà nel mettersi in grado di controllare attività e processi produttivi portati avanti da multinazionali in possesso di now how da miliardi di dollari, ma allo stato attuale sembra che si sia prodotto un” tour della responsabilità” fra i soggetti che si occupano della materia.
Cosiche l’Arpab, Agenzia regionale protezione ambientale, come dice il suo DG non rappresenta una vedetta dell’ambiente, Agrobios (Spa della regione ) spesso viene pagata dall’Arpab, che cosi ammette di avere deficienze di laboratori e tecnici, per effettuare le analisi delle matrici ambientali, ma i risultati non sono pubblici e vengono comunicati solo alla stessa Arpab.
Da ultimo queste analisi riguardano, come detto, per la maggior situazioni generate o potenzialmente generabili dalle attività:- di coltivazione di idrocarburi svolta in principio dall’Eni, che è una Spa controllata dal Ministero del Tesoro e , dalla attività di smaltimento di rifiuti industriali svolta dalle società Tecnoparco che è al 40% riconducibile all’ente regione, nonché da Veolia multinazionale francese che possiede quote in tecno parco e la piena proprietà dell’inceneritore Fenice di Melfi e di quello di Potenza.
Senza dilungarci sullo stato delle non bonifiche che interessano i siti contaminati dall’amianto e dalla chimica , basterà qui ricordare che per effetto della fuga della chimica di stato, ci ritroviamo tramite i consorzi industriali, e quindi tramite la regione ed i comuni, ad avere la proprietà anche di queste bombe ecologi che.
In sintesi, è evidente il bisogno di rendere più chiara ed intellegibile la governance di queste situazioni, i giovani socialisti ritengono si possa farlo, senza estemporaneità, all’interno della stesura del nuovo statuto regionale, tramite una generale messa a sistema dei poteri e delle funzioni dell’ente Regione.
A tale iniziativa- conclude Tantone- dovranno partecipare anche tutti quegli enti ed associazioni che da anni vigilano ed informano su questo tema, e finche tale azione non verra messa in campo, siamo condannati a sperare che l’innominabile Bolognetti continui a scrivere”.
Intervento di Elisabetta Zamparutti su Basilicatanet, 1 giugno 2010
 
 
"In merito a un intervento del Direttore dell’Arpab Vincenzo Sigillito, secondo il quale l’Arpab non sarebbe tenuta a denuncia tempestiva, mi ha colpito che tra i riferimenti normativi che pure ha richiamato, sia mancato quello all’244 del DLGS 152/2006". E' quanto dichiara, in una nota, la deputata radicale Elisabetta Zamparutti.
Nell'articolo "vi si legge: “Le pubbliche amministrazioni che nell'esercizio delle proprie funzioni individuano siti nei quali accertino che i livelli di contaminazione sono superiori ai valori di concentrazione soglia di contaminazione, ne danno comunicazione alla regione, alla provincia e al comune competenti.”
Proprio quell’Agenzia che in Basilicata è istituzionalmente preposta al “monitoraggio e al controllo dei fattori di rischio per la protezione dell’ambiente” e ad “informare la cittadinanza sullo stato dell’ambiente” ……ha atteso ben 13 mesi prima di dare comunicazione agli Enti interessati e ai cittadini dello sforamento da parte dell’inceneritore Fenice delle soglie di mercurio. Il quale inceneritore ha intanto continuato indisturbato ad operare e …ad inquinare.
E’ un dato di fatto - conclude Zamparutti - che in questa vicenda il Direttore dell’Arpab sapendo ha taciuto e io chiamo questo tipo di comportamento “omertoso”.
Cosa vuol dire che l’Arpab non è tenuta a denuncia tempestiva? Dire come stanno le cose è fare dell’inutile allarmismo? Dal tenore della sua risposta, Sigillito mi pare più preoccupato di un arresto di Fenice che della salute dei cittadini.
Certo è che a lasciare interdetti non è solo il comportamento e le dichiarazioni di Sigillito, ma anche il silenzio della Procura di Melfi".


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail