Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 03 dic. 2021
  cerca in archivio   COMUNICATI
Messina: interrogazione bipartisan su scempi edilizi

10 giugno 2010

I deputati Elisabetta Zamparutti, (Radicali) e Fabio Granata, (PdL) hanno presentato un’interrogazione rivolta ai Ministri dell’Ambiente e a quello dell’Interno sulla grave situazione del Comune di Messina. Come segnala e denuncia il WWF, a Messina si persevera in un’attività edilizia che danneggia non solo il patrimonio ambientale in violazione di norme internazionali, nazionali e regionali, ma mette a repentaglio anche la sicurezza pubblica alla luce del sempre più grave dissesto idrogeologico ed elevato rischio sismico della zona i cui tragici segni si sono visti lo scorso autunno.
 
Zamparutti e Granata chiedo al Ministro dell’Ambiente quali provvedimenti intenda adottare perché siano rispettate le norme di tutela ambientale costantemente disattese e per evitare un ulteriore peggioramento del già grave rischio idrogeologico. Al Ministro degli Interni chiedono quali provvedimenti intenda adottare per far rispettare le norme urbanistiche e di tutela, anche amministrative.
 
“La Camera dei deputati lo scorso 26 gennaio aveva approvato all’unanimità, proprio a partire dalla tragedia di Messina, l’innovativa mozione 1-00324 che riconosce il territorio come bene comune da tutelare a partire da interventi sul dissesto idrogeologico. Si tratta di capire cosa si intenda fare per darne concreta attuazione proprio a partire da quei territori che l’hanno ispirata”:
 
 
Segue interrogazione
 
Al Ministro dell’Ambiente
Al Ministro dell’Interno
 
Premesso che:
 
Dal febbraio del 2006 il WWF Italia ha richiesto a tutti gli organi competenti, la sospensione della applicazione della Variante al PRG della cittĂ  di Messina anche alla luce delle norme di tutela previste dal Decreto Assessoriale Regione Sicilia del 21 febbraio 2005 in GURS n. 42 del 7 ottobre 2005, con il quale viene istituita la Zona a Protezione Speciale cod. ITA 030042 ai sensi della direttiva 79/409/CEE
 
Detta Zona di Protezione Speciale è conseguente alla condanna C 378/01 emessa dalla Corte di Giustizia Europea e della successiva procedura di infrazione avviata dalla UE e viene istituita dalla Regione Sicilia per evitare una sanzione di 100.000 euro al giorno per ogni giorno di ritardo a partire dalla data del 22 febbraio 2005 (DA 21/2/2005).
 
La richiesta di sospensione della applicazione della Variante al PRG della città di Messina viene reiterata dal WWF Italia a più riprese, tra le ultime, anche nel luglio del 2009, sottolineando peraltro come l’attività edilizia in crescendo costituisse grave e irreversibile danno non solo al patrimonio ambientale del territorio tutelato da norme internazionali, nazionali e regionali, ma mettesse a repentaglio anche la sicurezza pubblica alla luce del sempre più grave dissesto idrogeologico ed elevato rischio sismico
 
La stessa richiesta veniva avanzata a più riprese dal 2007 ad oggi, dall’Ispettore Capo del Genio Civile, Ing. Gaetano Sciacca, il quale segnalava agli organi preposti l’incremento esponenziale del rischio idrogeologico, ed una preoccupante escalation di concessioni edilizie da parte del Comune di Messina sia prima che dopo l’alluvione del 1 ottobre 2009 che ha colpito la fascia sud della città di Messina, molte delle quali, rilasciate mediante lo strumento del silenzio assenso, sancito dall’art. 2 della LR 17/94. 
 
Nel maggio del 2009 il WWF Italia presentava nuove denunce oltre a segnalazioni precedenti, su specifiche lottizzazioni e opere il cui iter approvativo sembrerebbe non regolare; due delle stesse risultano archiviate pochi mesi dopo ma nel mese di novembre 2009, vengono ripresentate alla Procura della Repubblica di Messina che dispone il sequestro di uno dei cantieri denunciati (maggio 2010);
 
 
Il Comune di Messina, con data 1 ottobre (giorno della tragedia di Giampilieri) risponde ancora una volta che non intende procedere alla sospensione dello strumento urbanistico alla luce anche di un parere dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente – Dipartimento urbanistico - mentre lo stesso Assessorato, Dipartimento VIA VAS sostiene l’obbligatorietà dell’applicazione delle norme di tutela previste dallo ZPS;
 
Per ovviare alle norme di tutela subentrate con l’istituzione della Zona a Protezione Speciale, il Comune ha istituito una commissione “Valutazione di Incidenza” che ha di fatto, dal settembre 2007 al luglio 2009, approvato centinaia di nuove edificazioni, molte delle quali in aree di pregio naturalistico ma non ottemperando mai all’obbligo di legge di redigere la Valutazione di Incidenza sull’intero strumento urbanistico. La totalità delle valutazioni di incidenza analizzate dal WWF risultano difformi da quanto richiesto dall’Allegato G di cui al DPR 357/97 e smi e tali difformità vengono inutilmente segnalate agli organi preposti
 
Considerato che
 
Nell’estate del 2007 ma anche precedentemente e successivamente, gran parte del territorio del comune di Messina è stato sottoposto ad incendi devastanti;
 
Incendi vengono a tutt’oggi appiccati anche in mesi invernali e primaverili, senza alcun controllo né registrazione al catasto né spegnimento nella quasi totalità dei casi
 
Nonostante le norme di tutela vigenti sia ambientali che paesaggistiche e idrogeologiche, si è proceduto all’apertura di decine di cantieri in aree anche fortemente acclivi, in aree di impluvio e si è proceduto anche alla edificazione a ridosso delle fiumare e ad opere di sistemazione idraulica estremamente inutili e dannose;
 
Giorno 1 ottobre 2009 gli eventi meteorologici hanno provocato danni ingenti a cose e persone (31 morti e 6 dispersi) e che le acque meteoriche necessitano – per non provocare danni – di trovare condizioni quanto mai sane per non provocare tragedie altrimenti evitabili
 
Il dramma della zona sud di Messina, seppur non imputabile direttamente all’eccesso di edilizia ma soprattutto ad incendi e apertura piste sui crinali, ha dimostrato che solo la prevenzione può impedire il ripetersi di nuove tragedie
 
Constatato che
 
Nonostante le reiterate richieste e gli eventi luttuosi dell’1/10/2009 il Comune di Messina ed il Sindaco non hanno ritenuto di sospendere la Variante al PRG della città di Messina ma solo e per giunta da pochissimo tempo (17 maggio) di sospendere per due mesi il rilascio delle concessioni edilizie e in 11 casi, la sospensione delle concessioni rilasciate poiché non ancora realizzate le opere di urbanizzazione (e quindi non per conclamati illeciti autorizzatori) in alcuni dei quali peraltro si continua a lavorare nonostante le segnalazioni effettuate dal Genio Civile alla Procura della Repubblica di Messina anche su segnalazione del WWF;
 
E’ proseguita e proseguirà nuovamente presso l’ufficio Urbanistica del Comune di Messina la prassi di rilasciare concessioni edilizie ai sensi dell’art. 2 della LR 17/94 ovvero, mediante silenzio assenso, al pari delle varianti in corso d’opera sempre mediante silenzio assenso;
 
Le dichiarazioni rese dal Sindaco on.le Giuseppe Buzzanca nel febbraio e nel marzo 2010, di redigere un nuovo PRG da completarsi nel 2012 ha provocato un effetto acceleratore e moltiplicatore delle istanze per ottenere nuove lottizzazioni e licenze edilizie incrementando esponenzialmente il rischio per la pubblica incolumitĂ ;
 
Intere colline sono state sbancate destabilizzando gravemente i pendii che sono pertanto di facile dilavamento e lisciviazione e, in caso di forti piogge, soggetti a frane e smottamenti con quel che ciò potrebbe comportare, e che a tutt’oggi sono decine gli sbancamenti realizzati, ed altri prossimi a realizzarsi, così come piani quadro e lottizzazioni anche in aree già fortemente a rischio idrogeologico.
 
L’unico ente ad oggi ad aver posto un freno seppur parziale, al dilagare del sacco edilizio è il Genio Civile che subisce costantemente attacchi dagli ordini professionali e da altri uffici della pubblica amministrazione
 
Il WWF Italia ha richiesto anche l’intervento del Prefetto di Messina atteso che giorno dopo giorno si realizza un nuovo assalto al territorio che non ha precedenti nella storia di Messina;
 
Secondo i dati ISTAT la popolazione residente nel Comune di Messina è negli ultimi anni diminuita, e viceversa è in modo anomalo aumentata l’offerta di nuove abitazioni, rappresentando un investimento che porta inevitabilmente alla domanda ad oggi priva di risposte, se vi possa essere anche riciclaggio di denaro sporco della mafia nell’impressionante onda cementizia che sta colpendo il territorio messinese
 
L’esponente locale del WWF subisce da mesi atti anomali e tentativi di delegittimazione – regolarmente denunciati alle competenti autorità – per avere ripetutamente segnalato anche a mezzo TV nazionale, radio nazionali, quotidiani e settimanali nazionali oltre che regionali e locali – la gravissima situazione di Messina, portando numerose troupe televisive anche in prossimità di alcuni dei cantieri denunciati e ancora oggi operanti senza alcun fermo
 
Ciò premesso
Si chiede
 
Quali provvedimenti intenda adottare il Ministro per l’Ambiente sia per il rispetto delle norme di tutela ambientali vigenti da ormai 5 anni e costantemente disattese, sia per evitare che il già grave rischio idrogeologico venga ulteriormente incrementato e inneschi situazioni di grave pericolo per la pubblica incolumità
 
Quali provvedimenti intenda adottare il Ministro degli Interni, per far cessare le costanti violazioni delle leggi urbanistiche e di tutela, anche amministrative, sopra esposte al fine di impedire l’incremento esponenziale del pericolo per la pubblica incolumità dei cittadini di Messina.


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail