Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 18 mag. 2022
  cerca in archivio   COMUNICATI
Manette in tv, Staderini: Perché Schiavone sì e la cricca no?
Il Codice procedura penale lo vieta, ma nè PM nè l?Ordine dei giornalisti attivano le procedure.

15 giugno 2010

  

·         Dichiarazione di Mario Staderini, Segretario di Radicali Italiani
 
Roma, 15 giugno 2010
 
Dopo il giorno di pausa sul caso De Santis, oggi i telegiornali hanno ripreso a diffondere immagini in manette di persone private della propria libertà.
Certo, si trattava di Nicola Schiavone, figlio del famigerato Sandokan, come in passato si era trattato degli accusati di violenza sessuale o dell’innocente Enzo Tortora.
A diffondere le immagini di Schiavone sono stati gli stessi telegiornali che ieri si erano compiaciuti del loro beau geste, ma nessuno oggi dice nulla.
La verità è che, come per il disegno di legge sulle intercettazioni, è fondamentale per l’attuale Regime impedire che la propria classe dirigente venga denigrata, per gli altri ci penserà la Provvidenza.
Peraltro, l’art. 114, comma 6-bis, del codice di procedura penale vieta espressamente la diffusione di immagini in manette, che costituiscono illecito disciplinare che il Pubblico Ministero ha l’obbligo di attivare presso l’organo competente. Quante segnalazioni in questi anni sono state fatte dai PM e quante volte l’Ordine dei giornalisti ha attivato le procedure disciplinari?
Ancora una volta si palesa la peste che pervade il nostro Paese, quella per cui la legge scritta non vale più nulla.
 
 


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail