Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
sab 25 mag. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
I cattolici del Pd " Nessuna confusione con il matrimonio"

• da La stampa del 1 luglio 2010

di A. Ros.

 

Le parole della Curia sono dure, e forse suonano ancor più pesanti per chi si è speso per togliere dal titolo della delibera la parola «pari opportunità» lasciando un più diretto «riconoscimento delle unioni civili». Un modo per tutelare i diritti dei conviventi, comprese le unioni gay, senza stabilire pari opportunità con il matrimonio. Eppure, oggi, non c'è imbarazzo tra i cattolici del Pd. Rivendicano la loro scelta: «Non avendo equiparato le unioni civili al matrimonio, ma riconosciuto alcuni diritti fondati sulla continuità di una convivenza e di una relazione affettiva, è difficile sostenere che si svaluta, l'istituzione matrimoniale», spiega Stefano Lorusso. «Proprio perché sono relazioni cui sono garantiti diritti e tutele diversi si riafferma la centralità sociale ed educativa del matrimonio». Anche Domenica Genisio, che ha proposto l'emendamento poi approvato, difende la sua scelta: «Non abbiamo innovato nulla. Però dobbiamo avere il coraggio di guardarci intorno e vedere che ci sono soggetti, soprattutto le coppie gay, con rapporti seri ma nessuno strumento giuridico a loro tutela. Hanno diritto a non essere messi alla gogna come è accaduto per tanto tempo».


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail