Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 18 mar. 2019
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
L'inevitabile scontro tra il Cav e Fini

• da L'Opinione delle Libertŗ del 2 luglio 2010

di Biagio Marzo

 

Qual √® la ragione che sta spingendo Berlusconi ad alzare il livello dello scontro politico? Da settimane, lo sciamano Pannella predica che potrebbe succedere qualcosa. Di che cosa si tratti, solo lui e Dio possono saperlo. E' solo e soltanto un "puntiglio" del Capo del governo che vuole, costi quel che costi, approvare la legge sulle intercettazioni tra la fine di luglio e gli inizi di agosto - cos√¨ come afferma il Presidente della camera - o c'√® un disegno, ancora top secret, il cui obiettivo potrebbe essere lo scioglimento anticipato del Parlamento e le conseguenti elezioni anticipate, battendo, qui e ora, il ferro finch√© √® caldo? Cio√®, giocando sui consensi ancora favorevoli alla sua persona e alla coalizione di governo, sebbene siano in fase calante. . Intanto, Bossi getta acqua sul fuoco e rassicura che si trover√† la mediazione "fra le esigenze della gente di non essere intercettata e quelle dei Pm di indagare". E sul lodo Alfano ha aggiunto: "Estenderlo √® una piccola cosa, il presidente dei Consiglio deve badare ad un Paese Basta questo per evitare il peggio politico e la diatriba tra le alte cariche dello Stato? Sarebbero una pazzia le elezioni anticipate, quando con una maggioranza simile, che nessun Presidente del consiglio ha avuto mai, Berlusconi pu√≤ fare e disfare a suo piacimento sul piano politico, governativo e legislativo. Alla luce dei fatti, le riforme degne di questo nome non sono state ancora approvate e alcune di queste, che sono arrivate in Parlamento (per esempio, il provvedimento sulle intercettazioni e, in seguito,il lodo Alfano), potrebbero far scoppiare un corto circuito istituzionale. Che investirebbe in prima persona Palazzo Chigi, Montecitorio e Quirinale, i tre luoghi sacri della democrazia parlamentare italiana. Non √® che in altre occasioni non abbiamo visto la polemica tra le istituzioni, in special modo sulle leggi ad personam del premier, sull'uso spropositato della decretazione d'urgenza senza che vi siano i requisiti, imponendo atti di dubbia costituzionalit√† e soffocando il dibattito parlamentare e, ultimamente, sul caso Brancher: il neo ministro si stava servendo del legittimo impedimento, finch√© non √® intervenuto Giorgio Napolitano mettendo i puntini sulle "i", evitandone l'uso, ma stavolta potrebbe succedere un fatto inedito: che tutte tre si azzuffino tra loro. Un brutto spettacolo che sarebbe pagato caramente, dalla democrazia parlamentare. Ragion per cui, per carit√† di patria, bisogna evitare gli scontri che rischiano di creare un vuoto di potere i cui esisti sarebbero incerti. Da quando Berlusconi si √® insediato a Palazzo Chigi, l'unico problema della maggioranza √® stato come toglierlo dai guai giudiziari. Un problema sacrosanto, dal punto di vista della maggioranza, visto il trattamento avuto da parte delle Procure, quella di Milano soprattutto, ma vivaddio gli italiani hanno anche bisogno di un governo governante e di vivere in un clima sereno sotto l'aspetto economico, sociale e civile, pur essendo consapevoli che c'√® una crisi che non fa stare per nulla allegri. Disponibili anche a stringere la cinghia, purch√© in cambio ci sia un futuro prossimo migliore. Ma lo sconforto e le recriminazioni nascono quando la situazione si presenta piena di incognite e, per di pi√Ļ, senza una guida sicura e un governo riformatore. Cui prodest? Di certo, non agli italiani che vorrebbero ben altro. Perci√≤ cresce l'insofferenza vuoi verso un modo di governare sui generis vuoi verso il comportamento maldestro dei governanti. Si scordasse l'opposizione di uscire indenne, anzi, vincitrice da questo scontro. Se pensa veramente ci√≤, vuoi dire che non ha capito nulla di come stanno le cose, dato che gli strali della gente sono puntati anche contro di lei, per cui non la far√† franca neanche per sogno. Andreottianamente parlando, siamo al tirare a campare, o il ciclo berlusconiano √® arrivato al capolinea? Speriamo che non sia il primo caso e nemmeno il secondo, senn√≤ l'Italia si incamminerebbe verso un declino irreversibile. Di l√† da tutto, il Paese ha bisogno di fatti, non di chiacchiere,men che meno di cronaca rosa. Tuttavia, per come Berlusconi sta tirando la corda sulle intercettazioni e sul lodo Alfano riveduto, corretto e allargato il suo obiettivo √® di spezzarla. Di conseguenza, non sar√† pace, bens√¨ guerra. Per l'appunto, cui prodest?


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail