Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 23 apr. 2019
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Pannella sindaco de L`Aquila

• da La Discussione del 7 luglio 2010

di f.d.m.

Idea francamente bizzarra quella lanciata ieri dal quotidiano Italia Oggi, con un articolo a firma di Sebastiano Luciani dal titolo "Il pannelliano Chiodi fa rinascere Marco": candidare a sindaco dell`Aquila alle prossime elezioni Marco Pannella". Una candidatura che dovrebbe ricevere l`avallo di tutti i partiti. Secondo la tesi portata avanti dal giornalista di Italia Oggi l`idea sarebbe maturata tra i dirigenti del Pdl. Infatti si legge: Perché, alla fine del mandato di Massimo Cialente, nel nome del terremoto che ha distrutto la città non riuniamo destra, centro e sinistra candidando a sindaco Pannella?" Chiodi crede nella capacità mediatica di Marco, classe 1930, detto anche "il politico abruzzese più famoso in tutta Italia". E l`Abruzzo non ha più personaggi d`altri tempi come il ministro Remo Gaspari: soffre, in questo senso, rispetto al Molise, regione che con Antonio Di Pietro, leader dell`Italia dei valori, vanta un rappresentante notissimo e coccolato dai mezzi di informazione Ci fermiamo qui. A parte le percorribilità del progetto, tutta da dimostrare, resta che questa vicenda vale l`ennesima dimostrazione del degrado in cui è precipitata la politica abruzzese. Orfana di un personaggio come Remo Gaspari ancora si affanna a individuarne un possibile successore, senza rendersi conto che quel tempo e quel metodo di fare politica appartengono ad un passato non più riproponibile. Chiodi, scrive ancora Sebastiano Luciani, ", durante il suo intervento, ha chiesto a Pannella di utilizzare la sua potente immagine, coltivata in oltre mezzo secolo di attività politica,per far rinascere la regione, aiutando a ricostruire la città colpita dal sisma".. Va bene rendere onore a Pannella, ma resta la brutta impressione che quella del governatore Abruzzese sia una sorta di resa di fronte al responsabilità che non riesce a regge. E questo francamente appare assai poco rassicurante per il futuro che ci attende.



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail