Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
sab 20 apr. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Un cimitero per vivi

• da Il manifesto del 8 luglio 2010

di Giulio Petrilli, Marco Pannella, Maria Antonietta Coscioni, Matteo Angloli, Maurizio Turco, Rita Ber

Al termine dei lavori del comitato nazionale dei radicali, svoltosi a L'Aquila-Ovindoli, siamo andati a visitare il carcere de L'Aquila, noto per essere il carcere con il maggior numero di detenuti in 41 bis in Italia, 103, dove ci sono anche tre aree riservate, luoghi di detenzione ancora peggiori del 41 bis e l'unica sezione femminile sempre di 41 bis. Abbiamo potuto constatare il peggioramento delle condizioni di vita, dovute alle nuove norme restrittive dei 41 bis, un'ora sola di aria al giorno, una sola ora di colloquio mensile con i parenti (vetro divisorio e citofono), non più possibilità di cucinarsi in cella. Praticamente il 41 bis è diventato l'istituzionalizzazione dell'isolamento totale. L'aria che sì respira è quella dei silenzio più totale, un cimitero per vivi. Da un lato abbiamo le carceri del sovraffollamento come Sulmona, simili all'inferno, dall'altro carceri come L'Aquila a 41 bis, carceri del silenzio, della tortura bianca che usa lo strumento del ricatto degli affetti, perché il 41 bis è questo, una soppressione delle garanzie e dei diritti delle persone recluse e dei loro familiari. Entrambi simbolo di una situazione nelle carceri drammatica, con attualmente oltre 68.000 detenuti a fronte di una capienza di 43.000 e senza provvedimenti legislativi adeguati ad intervenire per alleviare un minimo questa situazione, con l'estate che è arrivata e che accentuerà di più questa situazione. In questi giorni inizierà a Montecitorio la discussione del -



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail