Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 19 ago. 2019
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Uno stallo senza voto anticipato né, per ora, unità nazionale

• da Il Sole24Ore del 8 luglio 2010

di Stefano Folli

Difficile dare torto a Ernesto Galli della Loggia che sul Corriere della sera descrive un paese in cui la politica non esiste più. È una fotografia che abbraccia un po' tutti: chi governa al pari di chi si oppone, salvo eccezioni. E la giornata di ieri ne offre un'interessante conferma. Nei giorni scorsi era tutto un susseguirsi di proclami bellicosi. Il presidente del Consiglio annunciava la resa dei conti coni dissidenti finiani, a costo di rischiare la crisi del governo. Sullo sfondo sembrava prender forma una sorta di "predellino due", ossia, in codice, una riedizione del colpo improvviso con cui Berlusconi fece nascere in piazza il Popolo della libertà e mise in angolo i centristi. A sua volta il centrosinistra dava quasi per scontata la fine dell'era di Arcore e si dichiarava pronto ad assumere le responsabilità che le circostanze imponevano: una specie di governo di salute pubblica, pareva di capire, alla sola condizione che non ne facesse parte Silvio Berlusconi. Questo trambusto poteva a prima vista esser scambiato per un ritorno in grande stile della politica. Mai fatti, se così possiamo chiamarli, sembrano andare in un'altra direzione. Può darsi che abbia ragione Marco Pannella, che torna a parlare di un sistema vischioso in cui alla fine Pdl e Pd sono più intrecciati e incollati tra loro di quanto vorrebbero ammettere. Ma forse la realtà è proprio quella di un paese disabituato alla politica in cui al massimo si riescono a tutelare le rispettive rendite di posizione: quelle del governo e quelle dell'opposizione, in un sostanziale immobilismo. Vediamo gli eventi delle ultime ore. Lungi dal produrre qualche clamorosa frattura, la nuova stagione del "ci penso io" ha l'obiettivo di puntellare il governo, eliminando dalla strada le mine pericolose. Dopo le dimissioni di Brancher, è la volta della legge sulle intercettazioni. Sembrava una bandiera irrinunciabile per Berlusconi, invece ieri, nell'imminenza dello sciopero dei giornalisti, il Pdl fa sapere che saranno introdotte modifiche al testo, nello spirito delle «perplessità espresse dal Quirinale». Significa che la legge dovrà essere smontata e rimontata a Montecitorio, proprio come voleva il presidente della Camera, ed è difficile che questo lavoro possa essere completato in agosto. Nel frattempo Berlusconi andrà all'incontro con le regioni sulla manovra economica, ma non sarà in grado di offrire loro quasi nulla perché Tremonti ha già ottenuto la "blindatura" del testo. Ed è facile immaginare, quanto poco piaccia al premier questo ruolo in cui è costretto a subire il rancore, quasi la rivolta dei governatori (molti di centrodestra), senza avere nulla o quasi da offrire per uscire dalla riunione con un successo mediatico. In realtà, l'unica arma che Berlusconi potrebbe brandire per risolvere d'incanto i problemi di un governo imbalsamato sono le elezioni anticipate. Ma tutti sanno che oggi le elezioni non sono nella sua disponibilità. Quindi il premier è costretto al piccolo cabotaggio, nella speranza piuttosto flebile che in autunno maturino le condizioni per allargare la base del governo. Magari con un ingresso dell'Udc. Prospettiva molto incerta. E vero che Casini parla con insistenza di "unità nazionale", ma è tutto da dimostrare che voglia andare in soccorso a Berlusconi. Più probabile che voglia tenersi pronto per una fase successiva, se e quando si presenterà. Anche il Pd attende, senza peraltro riuscire a imporre un tema, a farsi protagonista di una battaglia. Così passano i mesi e la politica resta nella nebbia.

 



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail