Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 22 mag. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Conti (Enel): «Bene l'Agenzia, ma ora bisogna accelerare»

• da Il Giornale del 9 luglio 2010

di Antonio Risolo

 

Con lo statuto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, parte l'Agenzia perla sicurezza nucleare. Appena due articoli per stabilire «finalità e compiti istituzionali» dell'organismo. Una nota spiega, inoltre, che si tratta di un Ente di diritto pubblico «dotato di personalità giuridica e di autonomia tecnica, scientifica, amministrativa e contabile, ed è soggetto al controllo della Corte dei conti». L'Agenzia avrà un ruolo importante per lo sviluppo del programma nucleare italiano, prossimo all'avvio. Mancano ancora i nomi che comporranno il collegio di gestione. Le nomine spettano al ministero dello Sviluppo economico (due membri) e al ministero dell'Ambiente (altri due), mentre il presidente del collegio sarà scelto dal capo del governo. In pole ci sarebbe Umberto Veronesi, oncologo di fama internazionale e senatore del Pd. In alternativa (Veronesi non sarebbe ancora convinto) ci sarebbe Maurizio Cumo, un veterano del nucleare in Italia. La carica più importante della nuova struttura, tuttavia, sarà quella del direttore generale che dovrà essere nominato all'unanimità dai membri del collegio con un mandato di 5 anni (rinnovabile una sola volta). Al direttore generale farà capo tutta la struttura amministrativa. Una volta nominato, il direttore non potrà svolgere altri incarichi professionali. Organo consultivo del collegio dei commissari dell'Agenzia perla sicurezza nucleare è invece il Comitato scientifico che si occuperà di seguire gli aspetti tecnico-scientifici dell'attività. «È un passo importante dice al Giornale l'ad di Enel, Fulvio Conti - nel programma di rilancio di questa tecnologia nel nostro Paese. Va reso merito di questo risultato all'impegno del sottosegretario allo Sviluppo economico, Stefano Saglia, e del ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo. Ora dobbiamo procedere speditamente alla nomina del presidente dell'Agenzia per metterla in grado di definire, entro la fine dell'anno, le aree sulle quali costruire le centrali nucleari. Se riusciremo a rispettare questi tempi, Enel, con il suo partner Edf, sarà in grado di aprire il cantiere per il primo reattore entro il 2013». Per arrivare al 2020 con la prima produzione di energia elettrica da fonte nucleare. «Considerando il parallelo sviluppo delle fonti rinnovabili - aggiunge Conti- nel quale siamo impegnati con la nostra Enel Green Power, potremo così adeguare il mix di produzione dell'energia in Italia a quello dei nostri vicini europei. Questo ci permetterà di ridurre le bollette che oggi sono del 30% più elevate della media europea e limitare la dipendenza dagli idrocarburi di importazione, abbattendo allo stesso tempo tutte le emissioni, comprese quelle di anidride carbonica. Inoltre - conclude l'ad di Enel con il ritorno al nucleare, potremo rilanciare una intera filiera industriale, creando nuove opportunità di crescita per il sistema delle imprese italiane e sviluppando l'occupazione, la ricerca e la formazione dei nostri giovani in un settore strategico ad alto contenuto tecnologico».


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail