Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 11 dic. 2018
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Scontro a Radio Radicale con dimissioni in diretta

• da la Repubblica del 12 luglio 2010

di Mauro Favale

«Non c'è una causa scatenante». Piuttosto, «un problema di accumulo». La voce è sempre quella, inconfondibile, arrochita, alle 7,30 del mattino come alle 5 del pomeriggio. Massimo Bordin parla per oltre due ore col suo editore Marco Pannella. E stavolta l'argomento è l'addio del giornalista, dopo 19 anni, alla direzione di Radio Radicale. Un'ultima, attesissima, conversazione domenicale col leader radicale, un evento per gli appassionati, tutto in diretta radiofonica: perché è la trasparenza la caratteristica principale del partito e della radio, la pubblicità di riunioni e congressi a uso e consumo di militanti e addetti ai lavori. Stavolta tocca mettere in piazza i motivi di un divorzio che ha provocato centinaia di messaggi di solidarietà (tra Facebook e forum vari) per il giornalista. Tanto che Pannella gli dice più volte: «Sei più popolare di me e di Emma». E poi lo accusa: «Ti sei preso una responsabilità politica molto grave». «Mi dai del disertore. Gridi al momento gravissimo, ma lo fai sempre», risponde Bordin. Un anno fa, a Pasqua del 2009, un altro confronto aspro, sempre ai microfoni della radio. Una sorta di preludio a un divorzio che nelle due ore viene analizzato eppure mai sviscerato completamente. Tanto che Bordin afferma: «Proverò a spiegarmi in qualche sede, non voglio fare uso improprio del mezzo. Per chi m'hai preso, per Santoro? Voglio il mio microfono? Lasciamo perdere». Si intuisce che Bordin vorrebbe continuare a lavorare a Radio Radicale. Ma non come direttore. Piuttosto punterebbe a conservare lo spazio mattutino di Stampa e regime, la seguitissima rassegna stampa. Anche se Pannellalo provoca: «Ora si apre il mercato». Poi via all'evocazione di altri ex radicali che hanno abbandonato il partito di Pannella: «Non ho voglia di essere mangiato, non sono commestibile. E non ho ambizioni politiche», specifica Bordin. A Pannella critica «la mancanza di una linea nella quale ritrovarsi». Il leader radicale si ammorbidisce: «Mi dispiace che la cosa si sia conclusa così». Spenta la radio, gli ascoltatori aspettano di capire se davvero Bordin lascerà Radio radicale.



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail