Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 23 apr. 2019
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Via al referendum per tassare tutte le auto

• da Il Giornale - ed. Milano del 13 luglio 2010

di Chiara Campo

Una città senz'auto. Che si muove solo in bicicletta, metropolitana o alla peggio usando il car sharing, ma con modelli rigorosamente elettrici come quelli appena lanciati a Parigi. Fantasia? Ci credono i promotori di «MilanoSìmuove», la campagna per cinque referendum sulla qualità della vita e dell'ambiente partita ufficialmente ieri: perché si arrivi alle urne, devono raccogliere almeno 15mila firme, l'1,5% degli iscritti, entro il prossimo 6 novembre. E lo considerano già un traguardo e un segnale della città alla giunta Moratti, visto che poi difficilmente si arriverà al voto prima della fine del mandato. Tra i sognatori di una città senza motori c'è uno che di battaglie referendarie ne sa qualcosa, il radicale Marco Cappato, insieme a lui nella raccolta firme (e forse in una futura lista per le comunali del 2011?) l' ex assessore alla Mobilità Edoardo Croci - il papà di Ecopass - e il capogruppo dei Verdi in Comune Enrico Fedrighini. Ed è Croci a spiegare come si può raggiungere l'obiettivo zero auto. Passando dal ticket solo per le auto meno inquinanti alla congestion charge, una tassa per tutti, già quantificata: 5 euro per le auto, anche se hanno il filtro anti-particolato, 10 euro per i furgoni. Via libera gratis sotto le telecamere solo ai mezzi elettrici. E il confine dovrebbe essere allargato dalla Cerchia dei Bastioni alla circolare della 90/91. «Chi usa la macchina paga, e i proventi si reinvestono nei mezzi pubblici, così non avrà più senso usare l'auto. Con 5 euro di tassa si dimezza il traffico e si recuperano 60 milioni per potenziare i bus e completare le linee 4 e 5 della metropolitana». Gli altri quesiti: conservare il futuro parco agroalimentare sull'area Expo; ricreare un porto sulla Darsena e riattivare gradualmente il sistema dei Navigli navigabili (costo dell'operazione, 10 milioni all'anno per tre anni); raddoppiare gli alberi e il verde pubblico; adottare un piano per l'energia sostenibile, che passi da incentivi al teleriscaldamento all'eliminazione delle caldaie a gasolio, per dimezzare le emissioni di gas serra. Alla campagna hanno già aderito associazioni ambientaliste (da Wwf a Legambiente, Genitori Antismog, Fai, Italia Nostra), esponenti di Iulm, Bocconi, Ospedale San Raffaele, il progettista del sito Expo Stefano Boeri, giornalisti (Daria Bignardi, Isabella Bossi Fedrigotti, Paola Maugeri) comici (come Debora Villa e Diego Parassole dello Zelig). E ha già firmato una lista bipartisan di politici che spazia dal Pietro Ichino e Davide Corritore del Pd, Benedetto dellaVedova del Pdl, i liberali Michele d'Elia, Nicola Fortuna, Lorenzo Ruffatti. «Sevenissero adottate misure più coraggiose per migliorare la qualità dell'aria guadagneremmo un anno e mezzo di vita a testa, eviteremmo mille morti all'anno» sostengono i promotori di MilanoSìmuove. Il comitato dei saggi lanciato da sindaco e maggioranza? Per Croci «è un miscuglio di esponenti del Comune e dei partiti, produrrà solo il programma elettorale». Da ieri si può firmare all'ufficio elettorale di via Messina 52, da domani anche nelle sedi dei consigli di zona e anagrafiche, banchetti già prenotati alla Darsena, Colonne di San Lorenzo, agli eventi serali all'Arena e alla Villa Reale. A settembre ci sarà una giornata di mobilitazione con gazebo in tutta la città. «Ci sono solo 120 giorni di tempo - fa presente Cappato - I certificatori più numerosi sono i dipendenti comunali ma devono avere la delega del sindaco, e confidiamo nella massima collaborazione». Il comitato parte con un fondo cassa di zero euro, «ogni entrata e uscita sarà rendicontata su internet al sito www.milanosimuove.it, nella massima trasparenza».
 



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail