Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
gio 13 dic. 2018
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
1961-2011: un'occasione per ricordare Aldo Capitini

• da L'Opinione delle Libertŕ del 20 luglio 2010

di Francesco Pullia

 

Tra un anno ricorrerà il cinquantesimo anniversario della marcia Perugia-Assisi fortemente voluta e organizzata da Aldo Capitini. Filosofo anomalo, riformatore religioso, instancabile assertore ed elaboratore di nonviolenza, Capitimi è stato occultato e rimosso perché scomodo, non irregimentato, non omologabile ed etichettabile, non riconducibile né all'ambito cattolico né a quello marxista. Introdotto nel 1930 all'insegnamento di Gandhi da Claudio Baglietto, un giornalista fuggito dall'Italia, con una borsa di studio, con la scusa di seguire i corsi Heidegger, cominciò da allora a propugnare un'opposizione nonviolenta al regime e proprio per le sue idee fù mandato via nel 1933 dalla Normale di Pisa da un Giovanni Gentile infastidito dal suo vegetarianesimo (che destava scandalo tra gli studenti) e dal ferino rifiuto d'iscriversi al partito fascista. Fino al 1968, anno della prematura scomparsa (era nato a Perugia il 23 dicembre 1899), Capitini non si stancò di insistere stilla prefigurazione nonviolenta dei fini da parte dei mezzi, sulla necessità di un'autentica partecipazione di tutti alla vita pubblica (omnicrazia), sul concorso dei cosiddetti improduttivi, degli assenti, dei morti alla produzione di realtà (compresenza), sulla religione intesa conte apertura e non come irrigidito e asfittico sistema confessionale (suoi libri, come "Religione aperta" del 1955, "Discuto la religione di Pio XII" del 1957, "Battezzati non credenti" del 1961, vennero messi all'indice dalla Chiesa). Nel 1937 diede vita, insieme a Guido Calogero, al Movimento liberalsocialista. Fu dopo averlo ascoltato in un convegno a Ferrara che Pietro Pinna divenne nel 1948 il primo obiettore di coscienza italiano del dopoguerra scontando una seme di condanne e carcerazioni fino al definitivo congedo per una presunta "nevrosi cardiaca'". Nel 1952, anticipando nettamente argomenti di riflessione oggi molto dibattuti, Capitini organizzò il convegno "La nonviolenza riguardo al mondo animale e vegetale", nel corso del quale si costituì la Società Vegetariana Italiana. Aldo Capitini è stato un pensatore nient'affatto chiuso in un'eburnea stanzetta lira attivo suscitatore di coscienze. Proprio per questo fu scomodo soprattutto a sinistra. Chi ha potuto leggere il fitto scambio epistolare di liti con Walter Binni, Danilo Dolci, Guido Calogero, sa quanto, negli anni Sessanta, fosse amareggiato per l'estromissione, decisa ovviamente in ambiti politici, dall'Università per stranieri di Perugia o per la mancata diffusione, da parte della casa editrice Feltrinelli che lo aveva pubblicato, del suo libro "Le tecniche della nonviolenza". Gli fir attribuito, è vero, il premio straordinario "Viareggio" nel 1967 per l'intenso libro "La compresenza dei morti e dei viventi", edito da li Saggiatore, ma il cronista Rai si guardò bene dall'intervistarlo. Capitini pagò, dunque, le conseguenze di quella che Marco Pannella efficacemente definisce "la peste italiana", vale a dire lo stravolgimento delle regole democratiche attuato e pervicacemente perpetrato dai partiti all'indomani della promulgazione della canta costituzionale. Il suo nome è stato sì tirato in ballo recentemente in occasione di qualche edizione della marcia Perugia-Assisi ma indegnamente e indecorosamente. Lo spirito della marcir capitiniana del 1961. sia ribadito con estrema chiarezza, non ha nulla a che fare con quello delle marce istituzionalizzate, burocratizzate, unilateralmente concepite susseguitesi da almeno un decennio. Basti solo ricordare a qualche smemorato, più o meno finto, che nel 1967 si rifiutò con nettezza di sottoscrivere un appello fazioso di Lucio Lombardo Radice a favore degli stati arabi e contro lo stato di Israele. La sua nonviolenza, giustamente al centro dell'ultimo numero (il diciottesimo, per l'esattezza) della rivista "Diritto e libertà" diretta da Mariano Giustino, non va affatto equivocata con lo pseudopacifismo antiamericano tanto can. nel periodo della guerra fredda, al totalitarismo moscovita e. ai giorni nostri, a coloro che, con il loro atteggiamento, continuano a tollerare le vaie satrapie sparse nel mondo. Ecco perché la ricorrenza del 2011 può e deve costituire l'occasione per restituire alla sua figura la considerazione che merita.


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail