Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 23 lug. 2024
  cerca in archivio   NOTIZIE
TOLMEZZO. MANIFESTAZIONE CONTRO LA LEGGE FINI

13 marzo 2004

  • Dal "MESSAGERO VENETO"

    Esponente del partito denunciata. I radicali distribuiscono bustine d'hascisc in piazza

    TOLMEZZO. È terminata con la denuncia di un'esponente dei radicali italiani, Rita Bernardini, l'iniziativa antiproibizionista che ha fatto tappa ieri a Tolmezzo e che ha visto la cessione, da parte della Bernardini, di una bustina di hascisc alle forze dell'ordine «con lo scopo di violare la legge perchè si apra un dibattito che porti alla legalizzazione delle sostanze stupefacenti, in particolare di quelle leggere». Subito dopo la manifestazione, l'esponente radicale è stata accompagnata in commissariato. Almeno 100 persone, tra le quali molti giovani, hanno seguito l'incontro tenutosi in piazza XX settembre l'esponente radicale è uscita davanti alla Pretura e davanti a un nutrito pubblico composto per lo più da giovani ha attivato un atto di disobbedienza civile consegnando nelle mani delle forze dell'ordine una bustina contenente stupefacente. Come è noto i Radicali criticano la legge che non distingue tra droghe leggere e pesanti. «In Italia ci sono 4 milioni di consumatori di derivanti della canapa - hanno detto i Radicali -, la proposta avanzata dal vicepremier Fini che prevede l'arresto per uso a qualsiasi titolo di cannabis e dei suoi derivati non farà altro che aumentare i problemi delle carceri, bollerà come criminali i giovani che criminali non sono e distoglierà le forze dell'ordine da compiti ben più gravosi». Sugli effetti della proposta Fini sono intervenuti Gianfranco Leonarduzzi, Nicolino Tosoni, Stefano Barazzutti, Cristina Sponza, Rita Bernardini e l'esponente della Colomba Mario Puiatti. Nel dibattito si è insistito sul fatto che lo Stato voglia punire chi usa l'hascisc e la marijuana, ma contemporaneamente come lo Stato tolleri e imponga tasse su tabacco e alcol. Sono stati anche presentati i risultati di un'indagine svolta dall'Azienda sanitaria 3 sull'uso delle droghe nelle medie superiori dell'Alto Friuli che ha coinvolto 1.043 studenti dove si evince un discreto consumo di alcol e tabacco, mentre uno studente su tre dichiara di avere sperimentato lo spinello e uno su dieci di farne uso frequente. Prima di farsi "arrestare" per la ventunesima volta, Rita Bernardini ha detto che «i Radicali chiedono la regolamentazione delle droghe leggere e non la liberalizzazione in quanto questa esiste già di fatto grazie a un mercato fatto di pusher all'aperto 24 ore al giorno».

    Gino Grillo


  • IN PRIMO PIANO







      stampa questa pagina invia questa pagina per mail