Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 21 lug. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Comitato per il referendum contro la legge sulla procreazione assistita

• da La Gazzetta del Mezzogiorno del 11 agosto 2004

Potenza – Referendum contro la legge sulla Procreazione Assistita: A Latronico si costituisce il Comitato promotore cittadino. Lo annuncia Il segretario regionale dei Radicali, Maurizio Bolognetti che rende noto il documento sottoscritto dal Comitato Referendario: "Nobel, scienziati e ricercatori, il gotha della scienza italiana e mondiale, concordemente affermano che la ricerca sulla cellule staminali embrionali potrebbe offrire una possibilità di cura, di vita e di vita altra a 10 milioni di malati nella sola Italia. Rita Levi Montalcini, riferendosi alla legge sulla Procreazione Assistita, ha di recente dichiarato: "Una legge inaccettabile e immorale". Per quanto ci riguarda, prendiamo atto che questa legge proibizionista e illiberale, oscurantista e clericale, ci ha fatto precipitare in fondo al buio di secoli senza lumi, spostando le lancette dell’orologio su un’ora e un tempo che non vogliamo vivere, su un mondo e uno Stato che non può e non deve essere il nostro; ed è per questo che rinnoviamo, qui ed ora, la nostra disponibilità a batterci per affermare che occorre ripristinare al più presto la laicità dello Stato e delle sue leggi, contro ogni tentativo teso a limitare le libertà individuali palesemente negate dalla 40/2004(Legge sulla Procreazione Assistita). La maggioranza Parlamentare trasversale che ha approvato la legge sulla Procreazione Assistita, ha partorito un manifesto ideologico inaccettabile; da ogni comma e da ogni articolo del testo calato sulla testa degli italiani, sulle nostre teste, è possibile intravedere la volontà del legislatore di mettere i piedi e le mani nelle nostre vite. Pertanto, invitiamo tutti i cittadini a firmare, in molti casi a firmare di nuovo(infatti, le firme raccolte da aprile a giugno non sono più valide per la scadenza dei primi 90 giorni utili alla raccolta): occorre davvero garantire una scheda referendaria".



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail