Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 24 giu. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Iniziative radicali (lettera)

• da Panorama del 3 settembre 2004, pag. 20

di Daniele Capezzone e Rita Bernardini (segretario e tesoriera di Radicali italiani)

Leggendo l’ultimo numero di Panorama, abbiamo avuto l’impressione che il lettore Gianni Toffali, scrivendoLe, abbia inteso dare vita ad una sorta di "pesce d’aprile" fuori stagione. Infatti, ci ha attribuito -nientemeno!- un referendum "contro l’abrogazione della legge sulla fecondazione", e -grosso modo- il riconoscimento all’embrione della qualifica di soggetto di diritto. Non ci resta che pensare ad uno scherzo, perché queste sono posizioni diametralmente opposte alle iniziative radicali. Al contrario, noi proponiamo la cancellazione della legge per due ragioni: per un verso, perché la legge, creando vincoli eccessivi alla procreazione assistita, costringerà le coppie sterili (solo quelle che hanno la disponibilità per permetterselo) a rivolgersi all’estero; per altro verso, perché blocca quella ricerca sulle cellule staminali embrionali che la stragrande maggioranza della comunità scientifica mondiale considera la strada più promettente per sconfiggere malattie terribili, quali il cancro, il diabete, la leucemia, il Parkinson, l’Alzheimer e molte altre. Quanto infine agli embrioni, se si accogliessero definitivamente i veti e le impostazioni vaticani, finiremmo per sacralizzare entità percepibili solo attraverso il microscopio, elevando un tessuto di poche cellule a soggetto di diritti (magari equiparato ad una persona!), e protraendo nel futuro il retaggio che portò, per secoli, a vietare le autopsie in nome dell’intangibilità dei cadaveri. Senza dire che proprio coloro che, in nome della "Vita", si oppongono alla creazione di nuovi embrioni a scopo di ricerca, sono gli stessi pronti a gettare via gli embrioni che esistono già, i cosiddetti "embrioni soprannumerari": preferiscono buttarli via, anziché destinarli a una ricerca che potrebbe essere vitale! Ed è proprio contro tutto questo, e quindi per garantire a tanti una speranza di vita e di guarigione, che non smettiamo di batterci.



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail