Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 26 mag. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Ma alla fine il papocchio non riuscirà
In difesa del referendum e contro Amato.

• da Il Riformista del 18 settembre 2004, pag. 2

di Daniele Capezzone

Qualcuno ha scritto che in Italia essere buoni profeti è facile: basta prevedere il peggio. E infatti, poche settimane fa, proprio su questo giornale, commentando la leggina ammazza-referendum presentata dai due senatori forzisti Tomassini e Bianconi, dissi che si trattava solo di un antipasto, di un piccolo anticipo del festival antireferendario che si sarebbe aperto di lì a poco.

E come volevasi dimostrare, giunge puntuale l’iniziativa di Giuliano Amato, chiaramente volta a coagulare tutto il coagulabile: i nemici espliciti del referendum all’interno dell’Ulivo (a cominciare da Francesco Rutelli), i nemici espliciti polisti (praticamente tutti), e soprattutto gli avversari non dichiarati della consultazione popolare (a cominciare da quei Fassino e D’Alema che per un verso hanno firmato, ma per altro verso pagherebbero oro - e del resto, lo ammettono a chiare lettere - pur di non dare voce ai cittadini). Il tutto con l’avallo (o forse il mandato?) delle gerarchie vaticane, il cui sostegno nella corsa al Quirinale, del resto, non dispiace a nessuno.

E però…ci sono due però, che anche il Dottor Sottile potrebbe forse tenere presenti. Il primo è quel "dettaglio" che si chiama volontà popolare, e che (almeno stavolta) si potrebbe provare a non umiliare, a non calpestare con tanta prepotenza. Ormai unanimi, le rilevazioni demoscopiche attestano (antica fissazione radicale, e - consentitemelo - pannelliana) che su questi temi il Paese è straunito, altro che spaccato. Che si tratti di elettori di centrodestra o di centrosinistra, di credenti o di laici, di meridionali o di settentrionali, quando proprio va male, le proposte di libertà ottengono solo la maggioranza assoluta dei consensi; quando va meglio, si viaggia verso percentuali ondeggianti tra il 65% e l’80%. Il secondo è un profilo tecnico, ma in questo caso decisivo: affinché una "leggina" possa far saltare il referendum, occorre che ne accolga la domanda. Invece, pensare di apportare ritocchi qua e là, di fare un lifting alla legge, che ne lasci però inalterati i punti nodali (a cominciare dal divieto di ricerca sulle cellule staminali embrionali), e di potere - con ciò solo - impedire il voto, è una pia illusione.

La verità è che la mossa di Amato preannuncia un possente crescendo, una mobilitazione del potere ufficiale italiano contro la possibilità che i cittadini si esprimano. Anzi, proprio le vaste maggioranze popolari indicate dai sondaggi hanno innescato una paura autentica nel Palazzo. Si è cominciato con il pressoché generale bavaglio informativo (con rare eccezioni) sulla campagna di raccolta di firme; si proseguirà con questo festival di leggine-truffa; e si tenterà infine il colpo finale con la Corte Costituzionale.

I referendari (non solo i radicali, che conoscono bene il meccanismo) devono sapere che si preparano mesi durissimi, con un’offensiva - insieme - mediatica, parlamentare e giuridica. Nulla sarà risparmiato, come troppe altre volte è già successo, per impedire al Paese di riconoscersi, e - in ultima analisi - di scegliere se stesso, di proseguire una storia di conquiste civili strappate o difese con il referendum, dal divorzio all’aborto, passando per tutto il resto.

È per questo che va denunciato il trucco. Possono impapocchiare le cose come vogliono, grossolanamente (alla Tomassini-Bianconi) o sottilmente (alla Amato), ma non riusciranno a infilarci di prepotenza né un burqa né una bandana. Sempre che qualche "terzista" non provi ad inventarsi un qualche terzo copricapo.



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail