Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 14 giu. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
«Sulla fecondazione metto alla prova la Cdl»
Pannella: intese possibili solo se cadono posizioni illiberali come quella sul referendum

• da Il Messaggero del 23 settembre 2004, pag. 10

di Fabrizio Rizzi

[vedi nota in fondo]

ROMA - Marco Pannella rilancia il dialogo con la Casa delle LibertĂ , che non è interrotto, «ma dipende da loro». Per esempio dall’atteggiamento sulla legge sulla fecondazione, contro la quale i radicali stanno raccogliendo, con successo, le firme per il referendum. Comunque mette un altolĂ : «Devono cessare atti di malgoverno». E avverte: «PerchĂ© si possano realizzare intese, occorrono due, tre o quattro chiare dimostrazioni» di interesse.

Onorevole Pannella, come giudica la posizione del ministro Prestigiacomo che intende correggere la legge sulla fecondazione?

«Il vero dibattito è falsato. Non stiamo parlando a livello scientifico di biologia, di bioetica. Il confronto è su altre cose: qual è il tipo di legge che scongiura i flagelli, anzichè provocarli. Quando l’aborto era proibito, ogni anno c’erano un milione e mezzo di aborti clandestini. Adesso, per colpa di proibizionisti ed eretici, ne abbiamo 150mila. Se riuscissimo a far passare alcune modifiche, li ridurremmo a 2-3 decine di migliaia all’anno. Lo stesso era per il divorzio: il divieto al divorzio regolamentato creava dei fuorilegge. Adesso abbiamo lo stesso problema sulla procreazione, anche per quella responsabile, assistita. Nella legge che vogliamo abrogare, su 45 articoli 35 cominciano con il termine ”è vietato”. Questo è un modo di legiferare che noi rifiutiamo».

Insomma, con la legge sulla procreazione siamo di fronte a una situazione simile a quelle di aborto e divorzio.

«C’è stata un’inchiesta: su 50 esponenti della classe dirigente italiana che, presumibilmente, hanno votato contro il divorzio, almeno 32 hanno usufruito del divorzio. Noi, magari, no. Se noi vinciamo, coloro che vogliono assicurarsi una procreazione, con molto amore, trovano dei mezzi che la scienza fornisce e la legge regolamenta. Lo scontro è tra chi vuole proibire creando gli immensi flagelli di mercato nero, come le mammane; e noi che vogliamo semplicemente assecondare le volontĂ  libere e responsabili di concepire. Se vinciamo, non imponiamo assolutamente nulla a nessuno».

Che cosa risponde al vice-premier Fini, il quale ha esortato a non tornare al Far West?

«Lui viene dalla tradizione nella quale la democrazia era il Far West, quell’ordine era appunto etico. Diciamo che proprio noi che abbiamo cercato di puntare su una forza liberale, anche della destra italiana, ci troviamo a dire che vecchi demoni la stanno distruggendo. E sono quelle cose che vengono fuori attraverso Fini, così ragionevole, distinto e pacato a volte, e così fascista nei suoi ragionamenti adesso».

Voi state polemizzando con il centro-destra, quando, fino a pochi mesi fa, si ipotizzava di portare i radicali al governo.

«Scusi, a un dialogo e ad accordi politici. Ho subito chiarito che oggi, per noi, c’è piena disponibilitĂ  ad accordi politici e nessuna a far parte organicamente del governo o della Cdl, ma puntando su alleanze politiche precisate. Bondi e Gasparri continuano a dire che con i radicali vanno fatti accordi politici relativi a quelle tante parti possono veder confluire su posizioni liberali Cdl e radicali. Quindi economia, giustizia, un po’ ovunque, tranne che sui problemi dello Stato etico, dell’aggressione totalitaria e totalizzante».

Quindi il dialogo non è interrotto?

«Questo ormai dipende da loro. Esistono episodi di malgoverno dovuti a una ”conventio ad excludendum” che unisce l’opposizione ed il governo, di cui il governo porta maggiori responsabilitĂ . Perchè degli accordi, delle intese possano, come ci auguriamo, realizzarsi, occorrono due, tre o quattro chiare dimostrazioni, che da parte del governo vengano a cadere questi atteggiamenti anti democratici, anti liberali e anti costituzionali. Nel ’99 Emma Bonino è stata espulsa dalla Commissione europea perchè troppo brava. Da allora, la storia si ripete: ogni giorno vengono fuori storie come quella sulla droga, sulla bioetica. Noi con tolleranza diciamo, ”se è così, ci confrontiamo su questo...”. Abbiamo avuto, in questi mesi, piĂą difficoltĂ  dai vertici della sinistra che da quelli della destra».


NOTE


Marco Pannella ha precisato, mediante la nota che segue, che titolo e sottotitolo dell’intervista pubblicata oggi da Il Messaggero non corrispondono al contenuto della sua conversazione con l’intervistatore.

----------
"Ci terrei a smentire subito il titolo e il sommario che Il Messaggero ha dato alla mia intervista. Titolo e sommario fanno a pugni con quello che è il testo dell'intervista, perché non è affatto vero che il problema per noi è quello di ottenere che cambino la legge sulla fecondazione, o discutere le loro posizioni sul tema, o sull'aborto o sulla droga. Queste sono le cose che loro credono e scelgono, e allora se le tengano, non ci riguarda. Io ripeto che l'accordo politico può e deve essere fatto se vengono a cadere quelle situazioni di malgoverno o di governo non soddisfacente di politica estera, di politica economica, di politica della giustizia, che sono legate alla discriminazione, all'ostracismo, alla conventio ad excludendum nei confronti dei radicali. Loro devono diventare gestori di idee, lotte e posizioni che noi da decenni portiamo avanti e affiniamo. Il vero problema è che cadano le discriminazioni. Si decida Berlusconi, noi abbiamo bisogno di prove e di non promesse. Possiamo rendere omaggio al venir meno di atti ed impostazioni di malgoverno, non ad altro".
----------


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail