Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 14 giu. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Oggi ultimo giorno della raccolta di firme per i referendum
PROCREAZIONE

Giovedì la consegna in Cassazione

• da L'Arena del 28 settembre 2004, pag. 4

Roma . Rush finale per i referendum contro la legge sulla procreazione assistita: oggi saranno almeno 100 i tavoli organizzati per l’ultimo giorno di raccolta delle firme. È l’obiettivo fissato dai radicali, mentre la campagna è alle ultime battute perché la consegna in Cassazione è fissata entro giovedì 30. Il segretario Daniele Capezzone ha lanciato un appello: «I radicali faranno la loro parte, ma occorre che le prossime ore siano scandite dall’annuncio, città per città, dell’apertura di decine e decine di punti di raccolta fino alla quota di almeno 100, e possiamo così sperare di tagliare il traguardo con grande slancio». Poi, toccherà alle operazioni tecniche: certificazioni, verifiche e consegna. In vista della maratona di oggi, i radicali , che già si preparano a festeggiare la chiusura della raccolta delle firme , fanno appello «ai consiglieri comunali e provinciali, agli assessori, ai sindaci, ai parlamentari di ogni schieramento, ai militanti liberali e democratici» affinché , ora dopo ora, affluiscano al numero 06-689791 (per poi essere pubblicati su www.radicali.it) gli annunci dei luoghi e delle ore della mobilitazione finale e straordinaria. Anche il Codacons ha lanciato un appello alla firma . E i comitati promotori dei referendum ricordano che in tante città sarà ancora possibile firmare, anche se , per consentirne l’immediata certificazione , potranno farlo solo i residenti. « Anche l’ultima firma è preziosa, perché il nostro traguardo è di andare oltre le 600 mila firme per ogni quesito, cioè 100 mila in più rispetto a quelle richieste per mettere al sicuro il referendum », ha avvertito Barbara Pollastrini, responsabile donne dei Ds, sottolineando che « c’è una consapevolezza diffusa che questa legge crudele vada riscritta. La strada referendaria si sta mostrando vincente e questi ultimi giorni non vanno sprecati » .

Le divisioni tra il fronte dei laici e quello dei cattolici si ripropongono in queste ore ancor più forti.La Chiesa si schiera contro il referendum. Agli antipodi, i radicali, che hanno proposto l ’ abrogazione della legge. Ma, tra due visioni contrapposte, si collocano altre posizioni.

A partire dal centrosinistra. Dopo l’avvertimento lanciato alla festa dei Comunisti italiani sull’inopportunità di un « referendum che dilanierebbe il Paese » , Prodi continua a ritenere che « la legge è cattiva, ma può essere migliorata e il Parlamento è la sede giusta per farlo » . I Ds hanno preso le distanze dalle posizioni di Prodi, sostenendo che la « via referendaria è stata finora l’unica possibile » , mentre Udeur e Margherita condividono la proposta del presidente della Commissione Ue. I Verdi di Alfonso Pecoraro Scanio sono per il referendum, perché « questo parlamento non è in grado di modificare quel pessimo testo » e sulla stessa posizione sono lo Sdi, Pdci, Rifondazione, Italia dei Valori. Nel frattempo resta aperta nella maggioranza l’ipotesi di una nuova legge.



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail