Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 14 giu. 2024
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Chi boicotta il garante del Lazio?
Detenuti e istituzioni

• da L'Opinione del 16 novembre 2004, pag. 3

di Francesca Mambro

Che cosa ne √® stato del garante per i diritti dei detenuti? Il 26 febbraio, il consiglio regionale del¬† Lazio eleggeva Angiolo Marroni garante dei diritti dei detenuti. Il Lazio √® la prima regione in Italia ad aver istituito questa figura di garanzia, prevista dalla legge regionale numero 31 dell'ottobre 2003 che ha istituito un ¬ęufficio del garante delle persone sottoposte¬† a misure restrittive della libert√† personale¬Ľ. E' passato un anno e l'ufficio del garante resta una legge all'avanguardia con un garante nominato solo sulla carta. Molte persone chiamano il partito Radicale e la regione Lazio e chiedono come mettersi in contatto¬† con lui...

 

Onorevole Marroni, che cosa non sta funzionando in questa storia del garante della Regione Lazio?

Vi è a tutti gli effetti una situazione  di stallo che non è assolutamente  plausibile. E' da febbraio che cerco di avere dal Dipartimento  dell'amministrazione penitenziaria un protocollo di intesa per entrare nelle carceri del Lazio e dare seguito al mio mandato, ma nessuna decisione è stata presa dal ministero. Per ovviare all'impasse di questa decisone ho proposto al Dap di farmi entrare negli istituti di pena i ai sensi dell'articolo 117 20 comma dell'ordinamento penitenziario  ma ufficialmente non mi hanno dato alcuna risposta. In via del tutto informale si dice che questo  articolo non è stato mai applicato  prima d'ora. A me sembrerebbe  un buon motivo per cominciare  e non lasciare che passi un altro anno con un niente di fatto! Nel frattempo in merito c'è stata un interrogazione alla Camera dell'on. Lucidi e la risposta del ministro non è stata lusinghiera. Secondo il ministero, il garante dovrebbe entrare nei penitenziari  con l'articolo 17 che viene rilasciato  a discrezione del direttore del carcere. E' chiaro che questo snatura il senso della legge e riporta l'ufficio del garante all'interno  dell'amministrazione penitenziaria. Il garante è e deve  restare super partes. Anche il consiglio  regionale non è rimasto a guardare. Vista la situazione di stallo il consigliere di maggioranza  l'on. Troia ha proposto, solo per questa legislatura, di modificare la legge eliminando l'incompatibilità che prevede come in questo  ufficio non possano lavorare politici  con cariche istituzionali, avvocati, giornalisti. Questa modifica permetterebbe di rendere  operativo il garante perché il consigliere regionale ha già accesso  a tutte le carceri del Lazio per colloqui e visite ispettive.

 

A suo avviso è un problema di resistenza o indifferenza?

¬†La sensazione che ho avuto √® di scarsa cooperazione tra organi governativi. Forse dovrebbero parlarsi di pi√Ļ perch√© la legge sul garante √® stata approvata all'unanimit√† dalla regione Lazio,¬† governata dalla maggioranza di centrodestra. Da parte mia, per continuare ad entrare in carcere resto in carcere come volontario, anche se √® assurdo non poter usare la struttura e i mezzi a disposizione dei detenuti. Se solo fossi a pieno titolo garante.

 

 

 



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail