Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 22 lug. 2024
  cerca in archivio   NOTIZIE
Su Il Gazzettino: Rosa nel Pugno in visita al carcere di Udine

23 dicembre 2005

di Gi.Be.

Rosa nel pugno in visita al carcere di via Spalato. Tocca anche Udine la questione sollevata a livello nazionale dal radicale Marco Pannella sull'emergenza carceraria che attraversa il Paese. Sono, infatti, arrivati a sessantamila i carcerati in Italia, a fronte dei cinquantacinque mila registrati nel 2001. Di preoccupazioni ce ne sono anche nel carcere udinese, soprattutto per l'aumento di detenuti che si è verificato in questi ultimi anni e che lo stesso direttore Francesco Macrì ha segnalato in occasione dei festeggiamenti del Corpo di polizia penitenziaria dello scorso 12 novembre. Infatti, nonostante i recenti lavori di ristrutturazione, il fenomeno del sovraffollamento si fa preoccupante soprattutto per il problema della vivibilità all'interno delle strutture carcerarie.

 

All'iniziativa, alla quale ha aderito anche il consigliere regionale della Margherita Paolo Menis, prenderanno parte, nella mattinata del 25 dicembre, alcuni degli esponenti della Rosa nel pugno (radicali e Sdi) tra cui Corrado Libra dei Radicali italiani, Moreno Pilosio vice segretario regionale del Nuovo Psi, Franco Giunchi e Alessandro Dario dello Sdi. «Oggi la situazione delle carceri - commenta Gianfranco Leonarduzzi del comitato nazionale dei radicali italiani - rappresenta una delle piaghe sociali più scandalose della regione, per questi motivi un gruppo della Rosa nel pugno farà visita ai detenuti del carcere di via Spalato, per dare voce a questo triste record di sovraffollamento carcerario». In concomitanza, a Roma, ci sarà la marcia di Natale dove un corteo, guidato da Marco Pannella e al quale prenderà parte anche Leonarduzzi, partirà da Castel Sant'Angelo e passando da Regina Coeli, Palazzo Madama, Montecitorio e Palazzo Chigi arriverà davanti al Quirinale per sensibilizzare Governo e opinione pubblica.



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail