Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
sab 20 lug. 2024
  cerca in archivio   NOTIZIE
Santarossa: «Più trasparenza in Comune». Il candidato sindaco del centro-sinistra indica le priorità del suo programma

3 febbraio 2006

• Messaggero Veneto

San Quirino. La critica più dura all’amministrazione Bressa riguarda la gestione di piazza Roma e degli edifici storici che vi si affacciano

SAN QUIRINO. Stefano Santarossa, già esponente regionale della Rosa nel pugno, ex partito radicale, guiderà la lista di centro-sinistra nelle prossime amministrative di San Quirino. Nel suo programma alcuni impegni forti saranno la trasparenza negli atti amministrativi, il dialogo in consiglio comunale, la valorizzazione dell’ambiente e una nuova idea per la piazza. Quello di San Quirino è il primo caso in Italia in cui l’Unione appoggia un esponente radicale. Il programma, ancora in fase di redazione, sarà alternativo rispetto a quello dell’amministrazione uscente e del candidato Corrado Della Mattia. «Anzitutto — ha spiegato Santarossa — vogliamo portare legalità e trasparenza all’interno delle istituzioni, cosa che a San Quirino, negli anni dell’amministrazione Bressa, è mancato». In particolare, il candidato sindaco punta il dito contro la mancanza di un sito internet del Comune, accessibile a tutti, in cui venga comunicata alla popolazione l’attività amministrativa.
La critica più sentita è però rivolta alla gestione di piazza Roma. «Quella che sta compiendo l’attuale amministrazione — ha commentato — è la demolizione degli edifici storici. Bisognerebbe invece salvaguardare i nostri beni architettonici. Mi riferisco soprattutto a Villa Plateo, che è un esempio di edificio da recuperare». Oltre che un bene architettonico, secondo Santarossa la piazza è qualcosa di più. E’ parte della storia, collante del tessuto sociale e luogo d’incontro. Per questi motivi si dichiara contrario alla demolizione dell’ex municipio di piazza Roma, che costituisce il luogo in cui i sanquirinesi hanno trascorso tanto tempo, hanno incontrato gente e rappresenta un loro punto di riferimento. «Gli edifici di piazza Roma sono stati svenduti — ha proseguito — considerando che il loro valore è stimato in 426 mila euro e invece sono stati pagati dall’azienda scelta dal Comune soltanto 344 mila euro. I costi di demolizione, inoltre, saranno a carico dell’amministrazione».
Uno dei primi provvedimenti che Santarossa vorrebbe applicare se vincerà le elezioni è proprio la gara pubblica, aperta e trasparente, per la riqualificazione di piazza Roma, che «non deve essere decisa a tavolino dagli amministratori». «Un altro punto fermo nel nostro programma — ha concluso Santarossa — sarà la valorizzazione dell’ambiente. Già in passato i sanquirinesi avevano dimostrato una forte sensibilità ecologista, basti pensare all’opposizione mossa all’impianto di compostaggio nei Magredi. Non neghiamo lo sviluppo, ma che sia compatibile con la salvaguardia ambientale». (l.v.)



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail