Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 24 lug. 2024
  cerca in archivio   NOTIZIE
Moratoria delle esecuzioni capitali. Santarossa: il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia vota all'unanimità il documento di Nessuno Tocchi Caino

Trieste, 30 maggio 2007

• Stefano Santarossa, membro della Direzione di Radicali Friulani

Siamo grati verso tutti i consiglieri regionali del Friuli Venezia Giulia per aver presentato ed approvato,  su invito della associazione Radicali Friulani, la mozione di adesione alla campagna  promossa da Nessuno tocchi Caino denominata "Le Regioni, le Province e le Città italiane per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali" volta alla presentazione di una risoluzione all'Assemblea generale dell'ONU.

 

Il testo è stato infatti approvato all'unanimità dal Consiglio regionale dopo la presentazione da parte dei consiglieri di maggioranza Piero Colussi, Carlo Monai, Uberto Fortuna Drossi e Maurizio Paselli (Cittadini), Nevio Alzetta, Maria Cristina Carloni, Patrizia Della Pietra e Annamaria Menosso (DS), Pio De Angelis (PRC-SE) e Cristiano Degano e Paolo Menis (Margherita).

 

Il documento sottoscrive l'appello internazionale per la moratoria universale immediata sulla pena di morte, rivolto al Segretario Generale delle Nazioni Unite e già condiviso da numerosi Premi Nobel e personalità di oltre 30 Paesi ed impegna la Giunta regionale a sostenere la campagna e il progetto di costituzione della Coalizione mondiale di Governi per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali.

 

Il voto di oggi rappresenta un ulteriore sostegno all'iniziativa nonviolenta di Marco Pannella, che si trova gia dal 16 aprile in sciopero della fame ad oltranza insieme ad altri militanti radicali, e,  a cominciare dalla mezzanotte di dopodomani, 30 maggio,  sarà impegnato in uno sciopero totale della fame e della sete.

 

Ricordo che l'iniziativa di Pannella intende sostenere l'azione del Governo italiano sull'obiettivo della moratoria universale delle esecuzioni capitali, ancora una volta messo in crisi dallo sleale comportamento del Consiglio europeo. Restano ormai pochissimi giorni per ottenere la convocazione dell'Assemblea Generale, la presentazione ed il voto della risoluzione per la moratoria universale delle esecuzioni capitali



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail