Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
gio 25 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Emma Bonino commissario UE
Agenzia Ansa - 29 giugno 1995
UE. EUROPARLAMENTO PER DIVIETO TOTALE MINE ANTI-UOMO.

29 giugno 1995

(ANSA)

________

SOMMARIO. In una risoluzione assunta a larga maggioranza, il PE ha invitato la Commissione a fare introdurre in tutti i Paesi membri il divieto assoluto delle mine antiuomo, e a disporre fondi per partecipare ad operazioni di antisminamento ovunque nel mondo (circa 110 milioni di mine antiuomo sono operanti nei più diversi paesi, e la maggior parte delle loro vittime sono civili e sopratutto bambini). Intervenendo, Emma Bonino ha denunciato che le mine antiuomo costituiscono un enorme ostacolo allo sviluppo economico e in particolare agricolo, e infliggono "immense sofferenze" alle popolazioni. Bonino ha anche dato conto degli interventi dell'Europa nel settore.

bruxelles - il parlamento europeo ha chiesto oggi a bruxelles l'introduzione in tutti i paesi dell'ue di un "divieto totale di produzione, stoccaggio, trasferimento, vendita, importazione, esportazione ed uso" delle mine anti-uomo, e dei loro componenti, e dei laser 'accecanti'.

in una risoluzione approvata a larga maggioranza i deputati dell'ue hanno invitato inoltre la commissione europea a stanziare fondi per partecipare alle operazioni di sminamento ovunque nel mondo. stando alle statistiche dei servizi dell'europarlamento circa 110 milioni di mine sono in attività in 65 stati del mondo. la maggior parte delle vittime sono civili e soprattutto bambini: molte delle mine assomigliano infatti a giocattoli, hanno rilevato diversi eurodeputati.

le mine anti-persona sono state soprannominate "l'arma dei vigliacchi" in quanto colpiscono prevalentemente i civili e non comportano rischi per chi le usa. hanno inoltre costi molto bassi, circa 5 dollari per mina, molto meno di quanto sia necessario per eliminarle, circa 1000 dollari a ordigno.

la risoluzione dell'europarlamento rileva che "le mine anti-uomo costituiscono un serio ostacolo allo sviluppo socio-economico di molti fra i paesi più poveri del mondo" perchè la loro presenza in vaste aree del territorio di questi stati "colpisce la produzione agricola, l'ambiente, le riserve energetiche, le comunicazioni e l'istruzione".

intervenendo per l'esecutivo europeo davanti agli eurodeputati, la commissaria europea all'aiuto umanitario emma bonino ha denunciato "le immense sofferenze" causate dalle mine anti-uomo in tutto il mondo.

la commissione dell'ue, ha indicato, ha speso negli ultimi tre anni 21 milioni di ecu (oltre 42 miliardi di lire) per azioni di sminamento in afghanistan, cambogia, iraq, mozambico e somalia. secondo emma bonino nella ricerca di tecniche più efficaci e meno costose di sminamento sta svolgendo un ruolo particolarmente attivo il centro europeo di ricerche di ispra, che ha messo a punto un sistema di rilevamento con immagini radar delle mine anti-persona.

 
Argomenti correlati:
commissario
unione europea
mine anti-uomo
agenzia
afghanistan
iraq
somalia
stampa questo documento invia questa pagina per mail