Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 01 mar. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Pannella Marco - 19 giugno 1992
PANNELLA: LA "QUESTIONE COMUNISTA" VA RISOLTA ORA E SUBITO. UN GOVERNO CHE NON LO FACCIA, CON LA SUA STESSA CONFIGURAZIONE, E' SUICIDA E NON RISOLVERA' NULL'ALTRO.

SOMMARIO: Sarebbe irresponsabile la formazione di un governo "che non determini il definitivo superamento della 'questione comunista'", lasciando quel partito agli alibi e alle non-scelte. La candidatura di Amato non deve essere assunta per "secondare" la "putrefazione della situazione politica". Il gruppo federalista, con sei eletti, può riservare la sua scelta alla fine, DC e PDS devono decidere subito.

(NOTIZIE RADICALI agenzia, 19 giugno 1992)

"La formazione di un Governo che non determini il definitivo superamento della "questione comunista" in Italia, per assicurare come forza e responsabilità di Governo il PDS (gli si lasci invece degli alibi e le sue non-scelte), è un atto di irresponsabilità politica e di inadeguata preparazione politica alle scadenze comunque drammatiche che incombono.

L'incarico a Giuliano Amato non deve e non può consentire di secondare la "maturazione" - in realtà la putrefazione - di questa situazione politica, e del suo aspetto centrale, anzichè affrontare e risolvere il problema.

La DC ha detto, o mormorato (ma ufficialmente), che la rinuncia a sue candidature o a quella stessa di Craxi fosse un omaggio alla necessità che il Governo non esprimesse una realtà quadripartitica. Nè si può pensare che basti, a questo fine, l'eventuale ordine di rientro nella maggioranza emessa da potentati economici nei confronti di qualcuno che ne è uscito da poco.

Comprendo che, per il PDS, la foglia di fico dell'incarico a Amato, anzichè a Martelli, possa, illusoriamente, far comodo. Ma tali illusioni è bene non consentirle.

Con il mio Gruppo, di sei eletti, io posso benissimo riservarmi fino alla fine la mia scelta definitiva. E lo faccio. Ma non il PDS, non la DC, non lo stesso Presidente incaricato."

 
Argomenti correlati:
agenzia
pds
dc
stampa questo documento invia questa pagina per mail