Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 17 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Mellini Mauro, Ricciardi Ruocco Maria, Parca Gabriella, Moffa Claudio - 13 gennaio 1968
(6) Oppressione sociale e repressione sessuale - CONVEGNO - TEATRO PARIOLI - Roma - Viale Parioli
Sabato 20 gennaio, ore 10 13, 16 19 / Domenica 21 gennaio, ore 9,30 13

TESTO DELLA MOZIONE SULLA LIBERTA' SESSUALE PRESENTATA AL QUARTO CONGRESSO NAZIONALE DEL PARTITO RADICALE (FIRENZE, NOVEMBRE 1967) DA MAURO MELLINI, MARIA RICCIARDI RUOCCO, GABRIELLA PARCA, CLAUDIO MOFFA ED ALTRI. APPROVATA CON TRE VOTI CONTRARI E TRE ASTENSIONI

SOMMARIO: Dopo aver constatato che il Partito radicale, grazie alla sua concezione antiideologica della politica, si distingue nettamente dalle altre forze della sinistra per la sua capacità di porre al centro del suo impegno la libertà della persona come premessa per l'emancipazione della società, la mozione indica i concreti obiettivi e le specifiche iniziative attraverso le quali il Pr può contribuire al superamento di quegli ostacoli che impediscono al cittadino l'affermazione delle libertà sessuali.

(Agenzia Radicale, n. 145 - 13 1 1968)

Premesso che:

a) una moderna visione politica della società non può prescindere dalla considerazione attenta della vita sessuale dell'uomo, che influisce profondamente sull'organizzazione sociale, pur essendo da questa a sua volta condizionata.

b) una vera e propria politica sessuale è svolta indubbiamente, in senso conservatore e repressivo dal potere clericale che trae da tale funzione e dagli strumenti con i quali la persegue, ulteriore alimento per il suo rafforzamento anche in altri campi della vita politica e sociale. Né l'affiorare, in alcuni ambienti cattolici di un linguaggio e di concezioni nuovi rispetto quelli tradizionali, si è mai espresso in una concreta diversificazione rispetto a tale politica.

e) Assolutamente carente è invece una politica sessuale delle forze laiche e della sinistra, e il rifiuto di affrontare un tale aspetto del vivere umano si traduce in pratica in una accettazione passiva del monopolio clericale della politica del settore e della formazione dell'opinione pubblica al riguardo.

Constatato che:

1 ) nell'arco delle forze politiche della sinistra, il partito radicale, in una concezione antiideologica della politica è impegnato nella difesa dei diritti civili, considerati strumento per la realizzazione di una concreta libertà del cittadino - e che inoltre P.R. si distingue dalle altre forze della sinistra italiana specialmente per la sua matrice laica e libertaria.

2) La libertà sessuale - intesa non solo in senso negativo, cioè come libertà da una legislazione retrograda, non a caso aggravata nel suo complesso dalla dittatura fascista; ma anche nella sua funzione positiva di strumento non esclusivo ma certamente indispensabile per il perseguimento della felicità dell'individuo è un diritto fondamentale della personalità umana, in quanto ciascuno deve poter disporre liberamente della propria sessualità secondo propri principi morali, che possono non coincidere con quelli della »moralità ufficiale e della maggioranza.

3) Pur senza fondarsi su una nuova ideologia »chiusa pansessualistica, si deve riconoscere che, come l'esperienza storica e sociologica insegna, nella maggior parte dei casi l'autoritarismo nelle sue varie manifestazioni ad ogni livello (famiglia patriarcale, scuola autoritaria, stato di polizia) si è accompagnato e si accompagna ad una educazione sessuorepressiva, che, insomma, esiste una correlazione evidente fra tutte le forme di oppressione sociale e la repressione sessuale.

4) Che, infine, su un piano più concreto ed attuale, in Italia, la tradizionale legislazione basata sui concetti di »onore , di »famiglia indissolubile ecc., l'assenza di una politica demografica, la mancanza di educazione sessuale (col pericolo imminente che l'introduzione di questo insegnamento nella scuola, di qui a poco, anziché fattore di emancipazione diventi un nuovo strumento di potere dei clericali), l'attivo e quotidiano avvelenamento dello sviluppo naturale dei bambini, la persecuzione dei rapporti amorosi che non abbiano ricevuto la sanzione di una autorità, i ricorrenti »scandali della vita italiana (dalla vicenda della »Zanzara , al ventennale sabotaggio di ogni forma di divorzio, ai vari episodi della censura) sono tutti fenomeni che rivelano anche essi, il carattere non solo individuale ma sociale del problema sessuale.

Il congresso impegna il partito in ogni sua istanza a creare le premesse e lo sviluppo di concrete iniziative per il superamento di quegli ostacoli che di fatto impediscono al cittadino l'affermazione delle libertà sessuali.

Queste iniziative dovranno essere volte a:

a) diffondere una coscienza sessuale, laica e libertaria, per superare tabù e inibizioni di cui la chiesa nella sua tradizione storica millenaria, è la massima portatrice;

b) individuare e combattere i centri di repressione sessuale che le forze politiche dominanti sfruttano a fine elettorale (quali ad esempio le grandi organizzazioni di massa cattoliche - in particolare quelle giovanili e femminili - o il monopolio clericale canonistico del matrimonio o della famiglia o talune grandi reti editoriali della stampa femminile);

c) a promuovere e sostenere riforme della legislazione vigente per gran parte in contrasto con la realtà. del mondo contemporaneo. (Si vedano a questo proposito gli articoli concernenti il cosiddetto »delitto d'onore , il »matrimonio riparatore dei delitti di violenza carnale, la »corruzione dei minori, anche quando s'ignori l'età della »vittima , la nozione di atto »osceno , per la quale è osceno tutto ciò che offende un non meglio specificato »pudore , la interpretazione di »luogo pubblico ; si vedano gli articoli concernenti l'aborto e il controllo delle nascite, considerati »delitto contro l'integrità e la sanità della stirpe , la punibilità dell'adulterio, e perfino il rifiuto di uno dei coniugi all'accoppiamento, l'»abuso dei mezzi di »correzione , ecc.).

 
Argomenti correlati:
liberazione sessuale
roma
congresso
pr
stampa questo documento invia questa pagina per mail