Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 26 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Pannella Marco - 10 febbraio 1989
RAI-PANNELLA: LA VOLGARE AGGRESSIONE DELLA QUALE SONO STATO OGGETTO DALLA REGIA DI TRIBUNA POLITICA, CON UNA TECNICA DA REGIME SUDAMERICANO, MI CONVINCE CHE SIA UN ERRORE PARTECIPARE A QUALSIASI EMISSIONE DELLA RAI-TV... LA COMMISSIONE DI VIGILANZA FARA' QUALCOSA? NO.

SOMMARIO: Stigmatizza l'artificio tecnico con il quale, nel corso dell'incontro-stampa concessogli dalla RaiTV, egli è stato presentato agli spettatori - grazie ad una regia ben calcolata - come "una persona munita di un solo occhio, di un solo lato del volto..." Questa è una delle tecniche, ben note alla RaiTV, "per impedire o ostacolare l'efficacia di un messaggio". Se non si provvederà ad evitare certe operazioni, che "semiologicamente" rappresentano un "pezzo di antologia", rifiuterà di dare ancora, in futuro, il suo "avallo" "ad uno strumento indecente di regime".

(NOTIZIE RADICALI agenzia, 10 febbraio 1989)

Roma, 10 febbraio - N.R. - Marco Pannella ha dichiarato:

"Per 31 minuti, ininterrotti, grazie alla "regia" dell'incontro-stampa, sono risultato essere una persona munita di un solo occhio, di un solo lato del volto, a meno di riuscire per brevi attimi a sorprendere il regista, lasciando intuire agli ascoltatori una realtà più normale. La tecnica per impedire o ostacolare l'efficacia di un messaggio non è certo sconosciuta alla RAI-TV ed ai suoi operatori più usati ed amati. Ma mai l'operazione è stata condotta con tanta arrogante, stolta, volgare "perfezione". Semiologicamente è un pezzo da antologia.

Sono andato a questa - comunque miserrima - emissione (grazie all'inadeguatezza della Commissione di Vigilanza) perché il Primo Segretario del Partito radicale ha ritenuto necessario sacrificare la propria presenza per consentire agli utenti della RAI-TV di riscontrare che ancora esisto e opero. L'efficacia di questa occasione è stata immediatamente ridotta ai suoi minimi termini, nel suo specifico televisivo. E'stato un errore e una colpa ritenere di poter contare quanto meno di non essere volgarmente aggredito, per punire il mio partito e me, responsabili di voler in tal modo comparire per un attimo...

Se non si provvederà subito ed in modo esemplare, dovessi non esser più, mai, sugli schermi RAI-TV e della Commissione di Vigilanza, rifiuterò di dare l'avallo della mia presenza ad uno strumento indecente di regime".

 
Argomenti correlati:
agenzia
informazione
commissione di vigilanza
stampa questo documento invia questa pagina per mail