Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 24 giu. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Pannella Marco - 29 giugno 1989
ANTIPROIBIZIONISMO: PANNELLA COMMENTA L'ENNESIMA TRAGEDIA DELLA DROGA SU 'IL CENTRO': A ROSETO DEGLI ABRUZZI UN RAGAZZO CHE AVEVA CHIESTO LA MATTINA A MUCCIOLI DI ESSERE ACCOLTO A SAN PATRIGNANO HA POI ASSASSINATO UN PADRE DI FAMIGLIA DI 61 ANNI.

SOMMARIO: Esprime "cordoglio" per la tragica sorte toccata a Domenico Palumbi, provocata da una legge "assassina, incivile, che è da sola responsabile del flagello della droga proibita". L'assassino, Umberto Giansante, aveva chiesto a Muccioli di essere accolto a San Patrignano. Se avesse potuto "recarsi in farmacia...a comprarsi la sua dose di droga...non avrebbe aggredito nessuno". Il 70% dei reati, del lavoro di polizia, ecc., è conseguenza della legge in vigore, voluta dal PSI. Questo è il prodotto di una "cultura che pensa di poter risolvere i problemi facendo dei peccati, o delle colpe morali, dei reati di Stato".

Occorre arrivare a fondare una "Lega per la difesa delle vittime della legge sulla droga". Scippi, violenze, furti ed anche assassini rappresentano "una tassa atroce" imposta dal proibizionismo. Si è ormai creato un immenso patrimonio, e lo si è regalato alla criminalità...

(NOTIZIE RADICALI agenzia, 29 giugno 1989)

Pescara, 29 giugno - N. R. - 'Il Centro', quotidiano abruzzese, pubblica il seguente intervento di Pannella sulla tragica vicenda di Domenico Palumbi.

"La tragica sorte toccata a Domenico Palumbi, alla sua famiglia cui va il nostro commosso cordoglio, può toccare a ciascuno di noi. In questo senso la legge proibizionista è anche una legge assassina, incivile, che è da sola la responsabile del flagello della droga proibita. Se Umberto Giansante avesse potuto recarsi in farmacia o anche altrove, a comprarsi la sua dose di droga, come alcoolisti e alcolizzati possono liberamente fare, non avrebbe aggredito nessuno. Egli avrebbe potuto - come molti alcolizzati - cercarsi o mantenere un lavoro. Non si sarebbe degradato a delinquente, con la serie certa di piccoli atti di criminalità che avrà compiuto fino a ieri, e non avrebbe accumulato la sua disperazione fino alle conseguenze di ieri. Io non so se abbia o no contribuito l'esito del suo incontro - del quale leggo sulla stampa - con Muccioli, a Teramo. Quel che so è che il 70% dei reati, il 70% del lavoro di polizia, il 70% del lavoro della giustizia, il 70% di quel che lo Stato spende in questi settori, con d

anaro del contribuente, è conseguenza della legge attuale, riformata o no , peggiorata o no secondo i dettami del PSI; non - ovviamente - della legge che noi vogliamo. Quel che so, e che tutti in coscienza sanno, è che ci troviamo dinanzi alla vecchia, tragica, dolorosa illusione di una certa cultura che pensa di poter risolvere i problemi facendo dei peccati o delle colpe morali dei reati di Stato: come per l'aborto, ieri o il divorzio.

Da anni chiedo che si costituisca una Lega per la difesa delle vittime della legge sulla droga. Milioni di scippi, di violenze, di furti, non di rado anche di assassinati, di morti rappresentano infatti una tassa atroce che il proibizionismo impone all'intera società degli innocenti. Per poter criminalizzare chi non fa vittime, cioè coloro che consumano 'droga' come consumano 'alcool', si ottiene una cronaca come quella di Roseto, ogni giorno, in ogni luogo. Si è creato un patrimonio immenso, più forte di quello di interi Stati, di intere istituzioni, e lo si attribuisce, lo si regala, lo si impone quasi, alla mafia ed alla criminalità: nella sola Italia si tratta di quarantamila miliardi di fatturato nel mercato clandestino che il proibizionismo ha creato. E - non dimentichiamolo - è nei confronti dei tossicodipendenti di oggi e di domani che la crudeltà è la più feroce e irresponsabile, condannandoli perché non consumano le droghe come l'alcool; condannandoli alla sofferenza, alla morte ed all'assassinio.

"

 
Argomenti correlati:
agenzia
droga
palumbi domenico
stampa questo documento invia questa pagina per mail