Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 24 giu. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Pannella Marco - 5 luglio 1989
CRISI - PANNELLA: "O IL PSI CAMBIA POLITICA O SUBITO FUORI DALLA MAGGIORANZA E DAL GOVERNO. I COMPITI DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. FEDERALISTI, LAICI, VERDI, COMPONENTI DELLA SINISTRA INDIPENDENTE PIU' OMOGENEI DEL PSI ALLA GOVERNABILITA'".

SOMMARIO: Ormai, dichiara Pannella, "la maggioranza pentapartito non esiste più" se non per paralizzare la vita istituzionale e costituzionale del paese: "Non c'è più attività del Parlamento, non c'è più governo...". "Ormai appare chiaro che la politica socialista è volta a destabilizzare..." Federalisti, verdi, ecc. "possono costituire oggi una seria e necessaria forza di governo... più omogenea alle esigenze istituzionali, politiche..." di quanto non lo sia il PSI.

(NOTIZIE RADICALI agenzia, 5 luglio 1989)

Roma, 5 luglio - N. R. - Riportiamo la dichiarazione di Pannella che abbiamo diffuso nel pomeriggio di ieri:

"La maggioranza pentapartito non esiste più se non come sede atta e volta, per certuni, a paralizzare la vita istituzionale e costituzionale del Paese.

In tal modo si sta ottenendo la sospensione della vita legale del Paese e nel Paese. Non c'è più attività del Parlamento, non c'è più governo se non per il disbrigo incontrollato degli affari e dei malaffari correnti. Il Presidente della Repubblica non può oltre, in sintonia con la DC e il PSI, lasciar sequestrare la libertà doverosa del Parlamento, con incarichi limitati a questa formula suicida, nè possono gli incaricati auto-limitare l'incarico in tal senso per calcoli o obbedienze extra istituzionali e puramente partitiche.

Ormai appare chiaro che la politica socialista è volta (e non solo atta) a destabilizzare in ogni modo un sistema politico, almeno parzialmente democratico, responsabile di conferirgli voti, consistenti sì, ma in definitiva marginali. Questo malgrado un uso e un abuso dei poteri di comunicazione del tutto anomalo, antidemocratico, e da partito di maggioranza relativa, se non addirittura assoluta.

Il PSI può cambiare politica, ma se la aggrava - come sta facendo - non può continuare ad essere considerato come necessario al governo se non da parte di chi intenda usarlo a fini di destabilizzazione o di fazione. Ripeto che federalisti radicali, verdi, sotto gruppi del gruppo misto, e anche - volendo - esponenti del gruppo della Sinistra Indipendente, possono costituire oggi una seria e necessaria forza di governo e di governabilità, certamente più omogenea alle esigenze istituzionali, politiche, sociali e economiche di un PSI che sembra divenuto l'invariabile impazzita della politica italiana. "

 
Argomenti correlati:
agenzia
psi
stampa questo documento invia questa pagina per mail