Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 19 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Notizie Radicali - 14 novembre 1989
Romania (2): la lettera agli ambasciatori

SOMMARIO: Nell'ultimo numero del giornale ci si era occupati della situazione in Romania, soprattutto per quanto riguarda il piano di distruzione pianificata di migliaia di villaggi predisposto dal regime di Ceausescu. Mentre è in stampa questo giornale sono in corso davanti alle Ambasciate di Romania in varie città europee manifestazioni promosse dal Partito radicale, a favore dei diritti umani e della democrazia in Romania, a due anni dai moti popolari di Brasov, nella Transilvania romena, duramente repressi dal regime di Ceausescu. I radicali consegneranno ai rappresentanti diplomatici romeni una lettera, che riassume i motivi della manifestazione.

(Notizie Radicali n.248 del 14 novembre 1989)

»Eccellenza,

due anni dopo le manifestazioni popolari di Brasov e la loro violenta repressione, la situazione dei diritti umani in Romania continua ad essere motivo di profonda preoccupazione per tutti coloro che, nel mondo, seguono con interesse quanto avviene nel Suo Paese. I rapporti di Amnesty International, della International Helsinki Federation e di numerose altre organizzazioni internazionali per il controllo del rispetto dei diritti umani e degli accordi internazionali in materia riferiscono del persistere e dell'aggravarsi della repressione nei confronti degli oppositori politici, delle inumane condizioni di detenzione, degli arresti arbitrari, delle violente limitazioni alle libertà di circolazione, di espatrio, di professione religiosa, di associazione, di stampa, di identità etnica e linguistica.

Particolarmente grave appare poi il piano del Governo romeno, in corso di realizzazione, che prevede la distruzione di migliaia di villaggi e la deportazione dei loro abitanti in centri di nuova costruzione, contro la loro volontà ed in spregio alle tradizioni, alla cultura ed ai costumi della popolazione. Già le demolizioni hanno colpito numerosi villaggi, così come monumenti architettonici e testimonianze storiche della stessa Bucarest, per fare posto a sistemazioni disumane e a pianificazioni urbanistiche che molti hanno definito peggiori di quelle staliniste.

Intanto, decine di migliaia di romeni, non solamente di etnia magiara, sono stati costretti alla fuga dal Paese e vivono oggi nella difficile condizione di rifugiati.

In un momento in cui da più parti dell'Europa centrale ed orientale si diffondono segni di cambiamento e di speranza, la Romania - parte vitale dell'Europa, della sua storia e della sua cultura - continua ad essere oppressa da un regime tirannico, violento, che ha condotto il Paese alla miseria morale ed economica.

Tuttavia, poiché la Romania è fra gli Stati che sottoscrissero l'Atto Finale della Conferenza di Helsinki sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa, che contiene statuizioni precise sul rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, noi ci appelliamo al governo della Repubblica Socialista di Romania perché garantisca ai propri cittadini l'esercizio effettivo di tutti i diritti riconosciuti solennemente dagli Accordi di Helsinki, e in particolare perché ponga termine alla attuale politica di distruzioni e di deportazioni.

In questo stesso momento, militanti del Partito radicale di diversi Paesi consegnano questa lettera ai rappresentanti diplomatici della Romania a Mosca, Roma, Budapest, Bruxelles, Varsavia, Madrid, Praga, Lisbona, Belgrado, Parigi. Le chiediamo, signor Ambasciatore, di trasmettere il nostro appello al Suo Governo, nella speranza che le dichiarazioni di principio più volte da esso sottoscritte in materia di diritti umani e civili possano presto trasformarsi in realtà .

 
Argomenti correlati:
nr-248
ceaucescu nicolae
ambasciatore
pr
mosca
budapest
bruxelles
lisbona
parigi
stampa questo documento invia questa pagina per mail