Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 24 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Pannella Marco - 10 febbraio 1991
LETTERA DI MARCO PANNELLA AI DIRIGENTI DI RIFONDAZIONE COMUNISTA

SOMMARIO: Lettera indirizzata ai dirigenti di Rifondazione Comunista per formulare loro un augurio di buon lavoro. Ironica denuncia di coloro che lo hanno "aggredito": i "soliti noti", U. Stille, L. Zanetti, B. Vespa, G. Letta, ecc.: "appena defilati, guardavano la scena" dell'aggressione di cosidetti "pacifisti" a lui, Marco Pannella, venuto al convegno di Rifondazione al Brancaccio.

(NOTIZIE RADICALI agenzia, 4 gennaio 1991)

Caro Cossutta, cari compagni della Presidenza,

consentitemi di inviarvi un saluto, una denuncia, una protesta.

Il saluto è quello di un democratico che augura a voi tutti buon lavoro, sinceramente, senza riserve. Ed è quello di un militante che era venuto come al suo solito, come ogni altro senza pompa e senza scorte, sereno fra la gente, inerme ma non inerte, fiducioso (e lo resto). Sono venuto, testardamente, da compagno e da amico: come ai tempi dei nostri scontri feroci sulla legge Reale, sul finanziamento pubblico dei partiti, sulle violenze e i misfatti dell'"unità nazionale", agli albori delle lotte per i diritti civili, divorzio o aborto; o della nostra difesa dei comunisti e dei democratici massacrati dai carri armati rosso-neri del Patto di Varsavia. Ma, francamente, pensavo che quegli anni ci avessero insegnato a tutti qualcosa: che le passioni acciecano, e non aiutano idee e ideali. Voglio ringraziare in particolare i compagni abbruzzesi e teramani che, nell'atrio, hanno saputo dimostrare di quanta tolleranza e amicizia nutrano la loro intransigenza. Come voi, ne sono certo.

Questo vale: non sputi, insulti, calci e pugni, anche se di pacifisti e di nonviolenti. La denuncia, ora: ho riconosciuto coloro che mi hanno aggredito: i "soliti noti": c'erano Ugo Stille e Livio Zanetti, Bruno Vespa e Gianni Letta; Giorgio Bocca e un tal Pendinelli. Appena defilati, guardavano la scena, con l'aria di maestri che contemplano il lavoro di dilettanti, Eugenio Scalfari e Valentino Parlato.... La protesta: ma che ci facevano, fra di voi, fra di noi? Questi specialisti della distruzione dei volti, dei ferimenti delle persone e delle storie, dell'impunita' farisea? Ristabilita così la verita', ancora buon lavoro. Vi attendiamo, giovedì, al nostro congresso, dove sarete accolti con rispetto, e affetto, da parte di quasi tutti!

 
Argomenti correlati:
agenzia
lettera
stampa questo documento invia questa pagina per mail