Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
gio 23 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Rovasio Sergio, Tamburlini Antonio, Torzuoli Alberto - 30 aprile 1992
BILANCIO '91 (7) RELAZIONE DEI REVISORI DEI CONTI AL BILANCIO DEL PARTITO RADICALE
Dal 1· ottobre al 31 dicembre 1991

Compagne e Compagni,

quest'anno il Partito Radicale non presenta due bilanci separati, quello proprio del Partito e quello del Finanziamento Pubblico come è sempre stata consuetudine in passato. Ciò raccogliendo l'invito rivolto alla Tesoreria in occasione dell'ultima relazione dei Revisori dei Conti del 29 dicembre 1989: per la straordinarietà dell'attuale gestione del Partito.

Il bilancio è pertanto unico.

La situazione di pesante indebitamento verso banche e fornitori, se pur garantita dal Finanziamento Pubblico e dal Patrimonio Immobiliare, è stata ridotta a Lire 739.354.809.

Corre l'obbligo di ringraziare il Tesoriere, il Primo Segretario, il Presidente del Partito e il Presidente del Consiglio Federale per aver saputo tenere in vita il Partito di cui si profilava la chiusura per ragioni finanziarie. Nello stato patrimoniale alla voce "Cassa e titoli" va precisato che titoli sono assegni in portafoglio.

Il "Prestito al Centro di Produzione" di lire 274.000.000 per aumento di capitale sociale è stato un atto dovuto per ottemperare ad un obbligo di legge.

La posta "Altri crediti del Partito" va in effetti ridimensionata a Lire 470.264.593 in quanto vi sono documenti in viaggio per lire 197.042.989 a copertura di spese. Assicuriamo che i crediti sono esigibili non essendo stati contabilizzati i contributi che avrebbero dovuto versare i parlamentari Azzolina, D'Amato e Viviani; il deputato Mauro Mellini pur essendo l'unico deputato non iscritto al Partito Radicale del Gruppo Federalista Europeo alla Camera versa regolarmente la sua quota.

Passando al Conto Economico attiriamo l'attenzione che le "Spese di Struttura per i Consigli Federali" di lire 267.936.979 non coprono i costi effettivamente sostenuti per il Consiglio Federale del gennaio 1990 e quello del settembre 1991 in quanto per quest'ultimo sono state per ora contabilizzate spese per sole lire 74.452.766 (di fronte a una stima a preventivo di lire 200.000.000) dovendo ancora pervenire gli addebiti.

Per il "Progetto" editoriale il "Il Partito Nuovo" segnaliamo che gli importi esposti e in parte gravanti anche sul Centro Coordinamento Budapest comprendono i numeri 1, 2 e 90% circa del n· 3. Al momento sono previsti altri due numeri con una previsione di spesa di lire 700.000.000.

Per "Agorà" facciamo presente che non compaiono in bilancio i ritorni economici dell'attività perchè di competenza della Torre Argentina Società di Servizi S.p.A..

Le "Sopravvenienze a perdite" riportano una cifra consistente per via che includono lire 152.135.937 di costi sostenuti per per la campagna elettorale comunale a Roma nel 1989, lire 283.301.695 per esborsi di fine rapporti di locazione e lavoro e lire 40.000.000 per vecchio credito inesigibile nei confronti degli Amici della Terra.

I profitti per "Cessioni di diritti" si riferiscono a due tranche di 400.000.000 introitati a seguito della commercializzazione del materiale elaborato dal Centro di Ascolto Radiotelevisivo e di tutte le registrazioni televisive effettuate dal Partito Radicale dal 1988 al 1990.

Abbiamo verificato il Bilancio, anche mediante controllo a campione delle scritture contabili e dei relativi documenti e lo giudichiamo corretto. Due membri del Collegio dei Revisori hanno assistito pure alla revisione del Bilancio da parte del Comitato Tecnico della Presidenza della Camera e dai Revisori nominati dall'Ordine dei Dottori Commercialisti. Fra le notizie d'ordine generale informiamo che è aperto un contenzioso per due vecchie collaborazioni. Informiamo inoltre che ogni mese i Deputati, Senatori e Parlamentari europei trattengono per se lire 4.000.000; i Consiglieri Regionali versano il 20% degli emolumenti al Partito e lire 500.000 al CO.R.A.. In considerazione delle previsioni economico-finanziarie esposte dal Tesorire alla 1· Sessione del Consiglio Federale tenutasi a Roma dal 19 al 22 settemmbre 1991 riteniamo che allo stato attuale delle entrate non ci siano risorse adeguate alla continuazione delle attività.

Vi invitiamo ad approvare il Bilancio così come Vi è stato proposto.

Sergio ROVASIO Antonino TAMBURLINI Alberto TORZUOLI

 
Argomenti correlati:
congresso
relazione
stampa questo documento invia questa pagina per mail