Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
gio 23 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Pannella Marco - 11 maggio 1992
BOSANSKI NOVI: LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

SOMMARIO: Lettera aperta al Presidente del Consiglio e ad altri esponenti politici, in cui informa della gravissima situazione che si sta verificando nella città musulmana di Bosanski Novi, dove tutto annuncia un "probabile massacro". Dà atto ad Andreotti per la sua "personale sensibilità", ma lo sollecita a correggere "la gravissima responsabilità" del Governo e del Ministro degli Esteri.

(NOTIZIE RADICALI agenzia, 11 maggio 1992)

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO GIULIO ANDREOTTI,

e p.c.:

AL PRESIDENTE SUPPLENTE DELLA REPUBBLICA GIOVANNI SPADOLINI

AL PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI OSCAR LUIGI SCALFARO

AL PRESIDENTE DEL SENATO GIORGIO DE GIUSEPPE

AL SEGRETARIO DELLA D.C. ARNALDO FORLANI

AL SEGRETARIO DEL P.D.S. ACHILLE OCCHETTO

AL SEGRETARIO DEL P.S.I. BETTINO CRAXI

AL SEGRETARIO DELLA LEGA LOMBARDA UMBERTO BOSSI

AL SEGRETARIO DEL P.R.I. GIORGIO LA MALFA

AL SEGRETARIO DEL P.L.I. RENATO ALTISSIMO

AL SEGRETARIO DEL P.S.D.I. CARLO VIZZINI

AL SEGRETARIO DI RIFONDAZIONE COMUNISTA SERGIO GARAVINI

AL CAPOGRUPPO DEI VERDI FRANCESCO RUTELLI

AL SEGRETARIO DEL M.S.I. GIANFRANCO FINI

AL CAPOGRUPPO DELLA RETE DIEGO NOVELLI

Caro Presidente Andreotti,

ho già detto l'essenziale sulla connivenza, per non dire peggio, della politica di Bruxelles e di Roma con l'aggressione ed i massacri in corso da giorni in Bosnia ed Erzegovina ad opera di gente armata dal regime criminale di Belgrado.

Ti faccio ora presente, alle ore 11.50 di oggi lunedì 11 maggio 1992, quanto sta per accadere nella città di Bosanski Novi abitata da oltre diecimila mussulmani.

Venerdì i cetnici hanno accerchiato la città dando un ultimatum perchè tutte le armi fossero consegnate entro domenica sera. Il deputato bosniaco Izet Muhamed Adic, membro del Consiglio Federale del Partito Radicale, mi informa che i cetnici hanno dichiarato che le armi consegnate "non bastano" e che nel pomeriggio avrebbero accerchiato la città.

E' l'annuncio di un probabile massacro.

Mentre Roma e Bruxelles assistono complici e vergognosamente querule al massacro della popolazione mussulmana di Sarajevo ridotto ad un ghetto di Varsavia, riterrò il nostro Governo e il Consiglio europeo della comunità corresponsabili degli eventuali eccidi a Bosanki Novi, come a Sarajevo ed in tutta la zona.

Il nostro Parlamento non consentiva e non consente con le sue delibere la politica che il tuo Governo ha condotto.

Riconosco volentieri che la tua personale sensibilità ha cercato di correggere questa politica, "estera" e "comunitaria". Ma questa testimonianza umana non può affrancare il tuo Governo e il tuo Ministro degli Esteri dalla gravissima responsabilità passata, presente e futura.

Ti chiedo di informare immediatamente, attraverso i mezzi che ti saranno possibili, il Parlamento e l'opinione pubblica italiana su quanto sta avvenendo e sulle iniziative che riterrai di dover intraprendere.

Cordiali saluti, MARCO PANNELLA

 
Argomenti correlati:
agenzia
lettera aperta
iugoslavia
bosnia
stampa questo documento invia questa pagina per mail