Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 21 apr. 2019
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
La disoccupazione crescerà fino al 2011

• da La stampa del 8 luglio 2010

di Stefano Lepri

 

Nella media dei paesi avanzati la disoccupazione ha toccato il massimo; in Italia ancora no, crescerà ancora fino alla fine dell'anno prossimo, sostiene l'Ocse. La cassa integrazione è stata utilissima per contenere i danni nel periodo peggiore della crisi, però ora appare il rovescio della medaglia: una parte dei lavoratori ad orario ridotto non potrà essere riassorbita dalle aziende, e prolungare il sussidio sarebbe uno spreco, perché rallenterebbe il rinnovamento dell'apparato produttivo. Il rischio maggiore lo corrono i giovani. Anche l'Ocse (l'organizzazione dei 31 paesi industriali più avanzati) vede il pericolo di una «generazione perduta», ovvero di tutta una fascia d'età che la crisi lascia scoraggiata, senza prospettive. Dappertutto i giovani sono stati i più colpiti dalla crisi; da noi in misura ancora maggiore. Troppi sono senza lavoro, circa uno su quattro, e quasi metà di quelli che ce l'hanno sono precari. «La disoccupazione giovanile in Italia continua a crescere, e rischia di toccare presto il 30% - dichiara il vicedirettore del dipartimento occupazione dell'Ocse, l'italiano Stefano Scarpetta - ma aumentano soprattutto i giovani che non sono né in formazione né al lavoro, e non cercano di modificare la propria situazione». Non studiano, non guadagnano, rimangono a carico dei genitori, spesso consumando il patrimonio di famiglia. Non è nemmeno facile sostenere il peso dei giovani «scoraggiati» dato che il potere d'acquisto dei salari in Italia ristagna da anni. Nell'ultimo ventennio, secondo i dati Ocse, le paghe degli italiani sono rimaste pressoché immutate mentre i cittadini di tutti gli altri paesi avanzati miglioravano le loro posizioni. Al momento, solo in Grecia, in Portogallo e nei paesi ex-comunisti i salari sono più bassi dei nostri; ovviamente, sono i precari a tenere bassa la media. Alla prova della crisi, si rivela fallimentare il mercato del lavoro a due livelli, forti tutele per i lavoratori stabili, poche per i precari, spiega il segretario generale dell'Ocse, il messicano Angel Gurrìa. Nei guai peggiori si trova la Spagna, che ancor più dell'Italia aveva percorso questa strada; il governo di Madrid cerca un rimedio nel contratto unico (precari prima, tutelati poi) ora all'esame del Parlamento. Un contratto unico migliorerebbe la situazione dei giovani; l'Ocse tuttavia non nasconde che, specie nel caso italiano, dovrebbe rendere più facile la mobilità dei lavoratori con il posto fisso. Di conseguenza, un invito preciso rivolto al nostro paese è «garantire a tutti i disoccupati indennità di disoccupazione adeguate» (come da tempo suggerisce la Banca d'Italia, ndr) dato che gli attuali benefici si applicano solo a una parte dei lavoratori. I sindacati temono il contratto unico sostenendo che faciliterebbe troppo i licenziamenti. Ribatte l'economista dell'Ocse Andrea Bassanini: «Siamo all'apice della crisi su, lavoro, dunque difficilmente dando ora più flessibilità si finirebbe per creare più disoccupati; già tanti sono stati licenziati»; al contrario le imprese sarebbero invogliate a fare assunzioni. Ad esempio il periodo di prova previsto dagli attuali contratti è molto breve, si potrebbe adeguarlo alla media Ocse. In tutti i paesi Ocse, soprattutto in Europa, per parecchio tempo la crescita non sarà sufficientemente vigorosa da riassorbire la disoccupazione. Per questo Gurrìa invita a non ridurre le spese a favore dei disoccupati nella pur necessaria stretta ai bilanci pubblici. Bisogna solo condizionare l'indennità alla effettiva ricerca di un nuovo impiego.

 



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail