Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 18 feb. 2019
  cerca in archivio   RASSEGNA STAMPA
Come orientarsi tra interessi "emergenti" e "marginali"

• da la Repubblica del 12 luglio 2010

di Luigi Ceccarini

La mappa del lessico politico degli italiani, proposta dalla XXVI indagine dell'Osservatorio Demos-Coop, offre una rappresentazione degli orientamenti sociali. Una geografia dei valori, che incrocia valutazioni sul presente e idee sul futuro. L'indagine chiedeva di esprimersi su 46 parole e significati, raggruppati in: 1) istituzioni 2) riforme 3) territorio 4) partiti e leader politici 5) obiettivi e valori. I quesiti erano due: uno chiedeva quale sentimento, in una scala positivo - negativo, suscitassero le parole considerate; l'altro riproponeva le stesse parole, ma spostava l'attenzione in prospettiva, chiedendone l'importanza che assumeranno in futuro: maggiore o minore rispetto ad oggi. Si tratta di percezioni, a volte di timori, altre di aspettative. Immagini, dunque, proiettate su uno spazio bidimensionale. Il piano riporta nell'asse orizzontale il sentimento positivo-negativo. Nell'asse verticale l'importanza futura, maggiore-minore. Emergono varie "regioni di significato". 1. Il quadrante in alto a destra combina sentimenti positivi e una crescente importanza futura. Vi troviamo due diversi ambiti: a) nell'angolo estremo si raggruppano elementi "topici": far pagare le tasse a lutti, redistribuire la ricchezza, il lavoro, l'ecologia, la libertà di informazione; b) più in basso l'ambito degli elementi "strategici". In questo settore si collocano, tra gli altri, questioni e riferimenti quali la società multietnica, le riforme, l'Europa, il federalismo, la concorrenza e il merito, l'unità nazionale e il presidente Napolitano che la rappresenta. 2. In basso a sinistra si combinano sentimenti negativi con l'importanza decrescente nel futuro. È l'area della "marginalità". Di fatto, se si esclude Fini - che si colloca tra l'ambito strategico e quello emergente - è un settore saturato da leader e partiti politici. 3. In basso a destra troviamo una serie di istituzioni che suscitano sentimenti tendenzialmente positivi, ma - secondo gli italiani - meno importanti in futuro. In altre parole, è l'ambito "declinante". Troviamo la Chiesa, le organizzazioni sindacali, il Sud. 4. Infine, l'ultimo quadrante, in alto a sinistra, combina un sentimento tendenzialmente negativo con la prospettiva di maggiore rilevanza nel futuro. E' lo spazio degli "emergenti". Troviamo questioni come il blocco delle assunzioni nel pubblico, la Lega Nord, il presidenzialismo e lo Stato.



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail