Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 18 mar. 2019
  cerca in archivio   NOTIZIE
Sentenza Tar/ Manfredi: Cota fa di tutta l'erba un fascio, confondendo il grano con la gramigna

19 luglio 2010

 

Dichiarazione di Giulio Manfredi (Comitato nazionale Radicali Italiani):

Forse sarà la frequentazione di Michele Giovine (a proposito, caro Cota, mi sembra  un po' tardi e un po' ipocrita vergognarsi di  Giovine e tenerlo in disparte quando è stato determinante per la sua vittoria!), forse sarà la paura di perdere il potere a indurre Roberto Cota a fare di tutta l'erba un fascio, dichiarando che l'apparentamento di Scanderebech (capogruppo UDC) con la lista "Al centro con Scanderebech" sia la stessa cosa dell'apparentamento di Rocchino Muliere  (capogruppo PD) con la lista Bonino/Pannella.
Nel secondo caso il capogruppo PD si √® apparentato con una lista che non solo appoggiava Mercedes Bresso, candidata del centro-sinistra ma che rappresentava il pi√Ļ antico partito esistente in Italia, quello radicale, i cui eletti in Parlamento sono nel gruppo parlamentare del PD e la cui leader storica, Emma Bonino, √® stata candidata a governatore del Lazio per il centrosinistra.
Nel primo caso, Deodato Scanderebech, espulso dall'UDC, firma come "capogruppo UDC" un apparentamento con se stesso, cioè con la lista che ha creato seduta stante in nome del principio del "Francia o Spagna purchè se magna": se avesse vinto la sinistra, Scanderebech sarebbe entrato in Parlamento al posto di Teresio Delfino, candidato dalla Bresso alla vice-presidenza della Giunta regionale; allora mi butto a destra, così chiunque vinca per me sarà un successo...
Solo una persona in malafede può equiparare i due apparentamenti, facendo di tutta l'erba un fascio e non distinguendo il grano dalla gramigna.

Torino, 19 luglio 2010


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail