Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 21 nov. 2017
  cerca in archivio   COMUNICATI
Cappato: Formigoni continua l?opera di intimidazione nei confronti dei giudici

22 luglio 2010

 

  • Dichiarazione di Marco Cappato, Lista Bonino-Pannella, membro del Comitato nazionale di Radicali italiani
 
Il Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, intervenendo oggi sul quotidiano La Repubblica, non solo non si scusa, ma prosegue e aggrava la sua opera intimidatoria. Infatti, senza spendere una parola sui contatti con oscuri personaggi per fare pressione sui Tribunali che dovevano decidere il ricorso della Lista Bonino-Pannella, oggi Formigoni accusa proprio i magistrati della Corte di Appello di Milano (ripetutamente insultati, sulla base delle intercettazioni, da parte degli esponenti della cosiddetta “P3”, e contro i quali Formigoni avrebbe voluto fossero inviati gli ispettori ministeriali) di avere compiuto “un reato gravissimo” contro di lui, per il solo fatto di aver osato verificare l’inesistenza del minimo di firme regolari in calce alle sue Liste.
 
Si tratta della prosecuzione di quell’opera di intimidazione e falsificazione già messa in atto nei giorni successivi all’esclusione delle sue Liste, quando Formigoni accusò pubblicamente noi Radicali di aver ordito una macchinazione e di aver manomesso i suoi moduli sottraendo certificati.
 
Formigoni dimostra così di voler continuare ad abusare di quel potere accumulato in 16 anni di esercizio ininterrotto del suo mandato, trattando le istituzioni come cosa sua, all’interno di una logica per bande e di metodi che nulla hanno a che vedere con il senso dello Stato necessario per ricoprire quella carica. E’ per questa ragione che ritengo che Roberto Formigoni, al di là di ogni rilievo giudiziario delle intercettazioni che spetta alla magistratura accertare, debba lasciare la carica che occupa.


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail