Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 22 lug. 2024
  cerca in archivio  
La Rosa nel Pugno: il programma per le elezioni comunali di Roma
28 e 29 maggio 2006

Con Veltroni, laicamente

 

La Rosa nel pugno sostiene a Roma con una propria lista, capeggiata da Emma Bonino, líUnione di centro-sinistra e il sindaco Veltroni. Lo fa laicamente: non solo per difendere i principi e i contenuti della laicit√† che a Roma, per la presenza e i condizionamenti dei poteri e degli interessi temporali della Chiesa, hanno una importanza e un valore particolari, ma anche perch√© rivendica il suo diritto-dovere di contribuire autonomamente, e se necessario ¬†criticamente, alla amministrazione e allo sviluppo della nostra citt√†.

Non vogliamo elencare i problemi che ogni cittadino conosce benissimo (trasporti e rete metropolitana, sicurezza stradale, assistenza ad anziani e disabili, asili nido, riqualificazione delle periferie, rapporti fra Amministrazione  e cittadini, soluzione del problema dello smaltimento dei rifiuti e della localizzazione e costruzione del termovalorizzatore, per indicarne solo alcuni). Ciò che soprattutto ci interessa è la ricerca della loro possibile soluzione. Preferiamo perciò indicare con chiarezza agli elettori i criteri e i comportamenti a cui ci atterremo nei prossimi cinque anni per affrontarli e contribuire a risolverli, in un rapporto di leale collaborazione con il sindaco e le altre forze politiche che lo sostengono.

Al primo posto collochiamo lo sviluppo della democrazia civica. Non si possono migliorare i servizi pubblici e la qualit√† della vita senza che i cittadini siano informati delle attivit√† della amministrazione in un rapporto di scambio in cui essi, singolarmente e collettivamente, siano in grado di rappresentare le loro esigenze e líamministrazione sia tenuta a rispondere delle proprie scelte e delle proprie eventuali carenze. E su questo cí√® molto da fare, sia per quanto riguarda líinformazione, anche attraverso líaccelerazione e il potenziamento dellíinformatizzazione dei servizi, sia e soprattutto per quanto riguarda la trasparenza del dibattito politico sulle grandi scelte che ha di fronte la nostra citt√†.

Sappiamo díaltra parte che, se √® giusto governare con il massimo di consenso, ogni reale scelta di cambiamento che tenga conto degli interessi generali¬† e dello sviluppo di Roma come ogni politica di ripristino e affermazione della legalit√†, non possano essere bloccate da interessi particolari e corporativi, interni ed esterni alla amministrazione. Opereremo con rigore perch√© questo accada e perch√©¬† a nessun gruppo díinteresse sia riconosciuta una sorta di diritto di veto: che si tratti di ambiente o di vigilanza , di trasporto pubblico o di arredo urbano.

Riteniamo infine che la nostra citt√† soffra ancora di mancanza di progettualit√†, senza la quale non si pu√≤ costruire nulla per il futuro e ogni programma √® destinato ad essere ritardato e vanificato dalle pastoie burocratiche e dalla gestione quotidiana. Non cí√® progettualit√† senza definizione di responsabilit√†, strumenti, tempi, mezzi finanziari e obiettivi; e senza progettualit√† √® vano sperare che Roma possa affrontare i grandi temi della sua modernizzazione: dallíurbanistica, alla grande rete ferroviaria e metropolitana, dalla salvaguardia dellí ambiente e dallo smaltimento dei rifiuti a un rapporto reale di sinergia fra ricerca, sviluppo e politica del lavoro.



Sulla base di questi criteri, gli eletti della Rosa nel pugno si impegnano sulle seguenti priorità:


1.¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Affermare e sviluppare il principio della laicit√† nella vita e nella cultura della citt√†, senza autocensure e subalternit√†. In particolare nellíoggi introducendo, come gi√† avviene in altri trecento comuni italiani, il registro delle unioni civili; potenziando líagenzia comunale delle tossicodipendenze con la sua affermata politica di riduzione del danno; garantendo sul piano economico una reale parit√† di trattamento fra operatori commerciali e turistici, privati ed ecclesiastici. E, per quanto riguarda il passato, rompendo líignobile cortina di silenzio che¬† cancella dalla memoria cittadina líeredit√† laica e riformatrice di Roma: dalla Repubblica Romana al 20 settembre alle grandi esperienze amministrative delle giunte Pianciani e Nathan.

2.                          Rilanciare il servizio pubblico di trasporti attraverso: un piano che acceleri, anche con il concorso privato, il completamento della rete ferroviaria di superficie e lo sviluppo della rete metropolitana (scandalosamente ferma a 38 chilometri contro gli 85 di Milano e i 236 di Madrid); una riforma del servizio taxi che lo renda accessibile alla generalità dei cittadini in tutte le aree della città; la razionalizzazione dei collegamenti fra i diversi mezzi di trasporto e il completamento e ampliamento dei parcheggi di scambio.

3.¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Decidere in tempi brevi la localizzazione e la costruzione del termovalorizzatore, unico modo¬† per consentire il completamento del ciclo dei rifiuti e per garantire allíAma¬† la necessaria dimensione imprenditoriale.

4.¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Riformare i servizi pubblici con nuovi contratti di servizio, che possano essere conosciuti e verificati da parte dei cittadini e con líintroduzione quando possibile di meccanismi concorrenziali; ridurre e razionalizzare, anche attraverso eventuali nuove privatizzazioni, la proliferazione delle societ√† controllate con annessi consigli di amministrazione, rafforzare il ruolo del difensore civico e dellíagenzia per il controllo della qualit√† dei servizi..

5.                          Riprendere la strategia di Roma capitale come strumento di collaborazione fra Stato, Comune, Provincia e Regione, unica sede per definire, coordinare, finanziare e realizzare i grandi progetti necessari per la modernizzazione della città e della sua area metropolitana.

6.¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Inserire sempre di pi√Ļ le periferie nel tessuto produttivo e nella vita della citt√†, sostenendo e rafforzando il positivo processo di industrializzazione e di sviluppo con il potenziamento e il coordinamento delle strutture di ricerca e favorendo líinformatizzazione delle aziende e delle famiglie nelle aree¬† marginalizzate.



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail